Sotto gli strali di un antropocentrismo dilagante che rende latitante la natura più abietta dell’uomo, cosa possono gli onesti di cuore quando non esiste più politica del rispetto che ci salvaguardi dagli effetti indesiderati!? E soprattutto cosa resta agli umili di spirito, ma poveri in canna? Voglio ardentemente sperare che sappiano ancora pregare di quel semplice afflato che è degli angeli, per una giustizia che riequilibri la vita ad un ordine morale delle cose nei fatti.

(Sante Boldrini)