La capogruppo di Imola guarda avanti Carmen Cappello

Imola. Opposizione all’attacco della sindaca Manuela Sangiorgi sull’assunzione, con determinazione dirigenziale del 22 agosto, di Giangiacomo Merlini in qualità di istruttore amministrativo con contratto a tempo determinato presso l’ufficio posto alle dirette dipendenze della sindaca fino al termine del suo mandato amministrativo.

Per la capogruppo di Imola guarda avanti Carmen Cappello “troppi addetti alla comunicazione, ben tre, anche se l’ultimo è definito ispettore amministrativo a cosa servono se non a far spendere al Comune circa 100mila euro all’anno dei nostri soldi? La sindaca si fa i video da sola, gli assessori parlano quasi solamente se glielo consente, il sito del Comune ha perso ogni istituzionalità. Di un altro addetto stampa  alla comunicazione non se ne sentiva l’esigenza. Con quei soldi si assumeva un vigile in più, altro che staff”.

Ai tempi di Massimo Marchignoli sindaco c’era un solo addetto stampa, con Daniele Manca aumentarono a due, se ora diventano tre…forse non è il cambiamento che molti si aspettavano.