Imola. Giornata conclusiva dell’Aci Racing Weekend, al suo secondo appuntamento stagionale all’autodromo “Enzo e Dino Ferrari”. Otto le gare disputate per le categorie Formula Regional European Championship, Italian F4 Championship, TCR Italy Touring Car Championship, TCR DSG Endurance, Super Cup e Supercars Series. Osservato un minuto di silenzio da parte dei piloti della Formula Regional e dell’Italian F4 per la scomparsa a Spa del ventiduenne francese Anthoine Hubert.

Formula Regional European – Colpo di scena in gara 3. Dopo aver condotto la gara dall’inizio alla fine, il danese Frederik Vesti si è visto affibbiare una penalità per infrazione nella procedura di ripartenza dopo Safety Car. 5” di penalizzazione che lo hanno retrocesso in terza posizione, consegnando la vittoria al brasiliano Enzo Fittipaldi, che ha preceduto il connazionale Igor Fraga, vincitore di gara 1. Il recupero della gara di Vallenga ha visto un altro colpo di scena: nettamente al comando, Vesti ha ricevuto un’altra penalità per aver sorpassato in regime di SC. Con un ultimo giro alla disperata è riuscito a salvare la vittoria sul compagno di squadra Oliver Caldwell per soli 15 millesimi! Ottimo terzo posto per lo svedese Isac Blomqvist, che è riuscito a contenere gli attacchi  di uno scatenato Fraga

Italian F4 – Affermazione autorevole di Dennis Hauger nella gara 3. Scattato bene, si è incollato alle ruote del poleman Roman Stanek passandolo al quinto giro, allungando e poi andando a vincere nonostante una SC all’ultimo giro che ha regalato qualche brivido. Stanek è stato passato anche da un ottimo Mikhael Belov, riuscendo almeno a conservare il terzo gradino del podio. Positivo il settimo posto di Umberto Laganella. Nel recupero del round di Misano, ancora una vittoria per Hauger. Qualche preoccupazione gliela ha data fino a metà corsa Oliver Rasmussen, poi il norvegese ha cambiato ritmo e non ce ne è stato più per nessuno. Secondo posto solitario per Paul Aron mentre il terzo posto è andato a Gianluca Petecof, autore di una splendida rimonta.

TCR Italy – Prova di forza di Salvatore Tavano (Cupra TCR) in gara 2. Subito al comando, ha prima vinto il duello con Marco Pellegrini (Hyundai i30 N), finito largo; poi ha progressivamente allungato conquistando la vittoria in scioltezza. Avvincente la battaglia per la seconda piazza con Jacopo Guidetti (Audi RS3 LMS) che era riuscito ad avere la meglio nei confronti di Igor Stefanovski (Cupra TCR) con un sorpasso all’ultimo giro. Sorpasso che successivamente la Direzione Gara ha ritenuto irregolare ridando il secondo posto al pilota macedone.

TCR DSG Endurance – Un duello lungo due ore ha tenuto sospeso fino all’ultimo l’esito della gara. Chiudendo con grande determinazione tutte le porte, Giacomo Barri – Ermanno Dioniso (Audi RS3 LMS) hanno conquistato una meritata vittoria, nonostante la grande prova di Giovanni e Alessandro Altoé (Cupra TCR). Pur tenendo costantemente sotto pressione i battistrada, non sono mai riusciti a crearsi una vera occasione, subendo anzi il sorpasso decisivo che ha determinato il risultato. In terza posizione si sono piazzati Raffaele Gurrieri – Eric Salvini (Volkswagen Golf GTI).

Super Cup – Pronta rivincita di Tobia Zarpellon (BMW M3). Dopo essere stato battuto da Mauro Cesari (Blackm) sabato, in gara 2 ha subito allungato tenendo sempre a distanza di sicurezza il rivale. Corpo a corpo invece per la conquista del terzo gradino del podio, che è finito ancora una volta nelle mani di Francesco Malvestiti (Mitjet), bravo a passare l’ucraino Kostyantyn (Honda S.2000) all’ultimo giro.

Supercars Series – In gara 2, stesso copione e risultato di gara 1. Ad imporsi, confermando la sua superiorità, è stato Roberto Del Castello (Corvette GT3), che ha preceduto sotto la bandiera a scacchi Stefano Valli (BMW Z4 GT3). In terza posizione si è invece piazzato Francesco Savoia (Seat Leon Cup).

In tutto in una cornice di pubblico molto scarso.