Il maestro Massimo Mercelli

Imola. Come sempre è stata preparata al meglio la stagione invernale dell’Emilia Romagna Festival al teatro “Ebe Stignani”. Proprio la sindaca Manuela Sangiorgi ha voluto ricordare che “nella splendida programmazione, noto con piacere di un Galà lirico in omaggio alla figura di Ebe Stignani: sono davvero contenta che si dedichi attenzione alla celebre mezzosoprano romagnola che dal 1935 si era stabilita nella nostra città impreziosendone lo scenario culturale e alla quale dal 1977 è intitolato il nostro teatro”.

Il maestro Massimo Mercelli ha definito “il programma di questa stagione internazionale, da grande città, che spazia dalla musica rinascimentale fino a quella dei nostri tempi con 11 concerti e la presenza di molti grandi solisti del pianoforte”.

Ecco i primi appuntamenti. Il primo sarà con il pianoforte di Arcadi Volodos, venerdì 25 ottobre. Volodos, pianista di fama mondiale, ha scelto un programma che, con alcuni brani di Liszt come il Sonetto 123 del Petrarca, e la Kreisleriana di Schumann, ne mette in risalto la personale predilezione per i recital. Dotato di immaginazione, sentimento e tecnica fuori dal comune, Volodos è particolarmente adatto a far emergere le note espressive al pianoforte, in aggiunta a una capacità virtuosistica sconfinata. Qualità, queste, che gli hanno consentito di esibirsi con le migliori orchestre al mondo, dalla New York Philharmonic alla Zurich Tonhalle Orchestra, insieme a direttori d’orchestra dalla caratura leggendaria, come Zubin Mehta e Riccardo Chailly.

Il secondo sarà mercoledì 6 novembre, con un evento di altissimo prestigio in cui si incontreranno il violino di Sergej Krylov e il pianoforte di Rotislav Krimer sulle note di Brahms e Schnittke. Krylov, uno dei più rinomati violinisti mondiali, deve la sua fama soprattutto allo strabiliante virtuosismo che lo contraddistingue, sempre posto al servizio dell’espressività, che gli permette di raggiungere insperate vette liriche con sorprendente naturalezza. Formatosi con Rostropovich, sebbene nel corso della scorsa stagione si sia esibito anche con grandissime orchestre, Krylov ama dedicare larga parte del suo repertorio alla musica da camera in duo con pianoforte. Ad accompagnarlo in questo caso sarà il bielorusso Krimer, che si è già esibito con lui e che più volte ha impressionato pubblico e critica con il suo pianismo brillante e la sua musicalità sensibile.

Fuori abbonamento saranno invece presentati gli appuntamenti de “L’Opera nel Ridotto” introdotti dal direttore dei teatri Luca Rebeggiani e con una proiezione di alta qualità, a ingresso gratuito nel ridotto dello Stignani: quattro eventi dedicati a quattro delle Opere migliori della tradizione lirica italiana. Si comincia venerdì 18 ottobre con La traviata di Giuseppe Verdi, si prosegue venerdì 8 novembre con Andrea Chénier di Umberto Giordano. Primo evento del 2020 sarà venerdì 21 febbraio con la Norma di Vincenzo Bellini, mentre la mini rassegna si concluderà venerdì 20 marzo, con La fanciulla del West di Giacomo Puccini.

Infine, molto importante per la formazione musicale dei giovani, continua anche quest’anno a coronamento della stagione ERF#StignaniMusica 2019/20, il progetto Musica a 1 euro, a cui si tiene molto che tanta partecipazione ha avuto nelle passate stagioni. Come di consueto, è rivolto a tutti gli studenti imolesi di ogni ordine e grado, nonché agli studenti della Scuola di Musica Vassura – Baroncini. La proposta si articola in due momenti: incontri – concerto in cui gli stessi esecutori dei concerti serali incontrano, parlano, spiegano e interagiscono con i ragazzi, incuriosendoli e accompagnandoli all’ascolto della musica con maggiore consapevolezza. La sera tutti gli studenti potranno accedere ai concerti al costo di simbolico di un euro. Emilia Romagna Festival crede fortemente che questo risultato contribuisca alla formazione del pubblico di domani, attento, preparato e sempre più numeroso e partecipe.