Imola. Simbolo della città ed emblema della cooperativa Sacmi, il grifo campeggia, da oggi, nella rotatoria Selice-Lasie, inaugurata nel 2017 per snellire la viabilità lungo la via Selice che, dall’uscita dell’A14, conduce al centro città. La realizzazione – frutto di una convenzione siglata tra Hera Area Blu e la stessa Sacmi – è stata curata da A2 Studio.

Totalmente realizzata in acciaio, l’opera si distingue per il basamento innovativo composto da una serie di poligoni irregolari sovrapposti che rendono l’idea di azienda, la cui forza si fonda sulla pluralità delle voci, delle competenze. Una pluralità che si stratifica nel tempo, contribuendo alla realizzazione di un’ideale comune, la creazione di benessere attraverso il lavoro. Sul basamento si ergono le due colonne che sostengono il grifo. La struttura è retroilluminata a Led, con un impianto a bassissimo consumo realizzato secondo le più recenti normative e criteri di risparmio energetico, bassa manutenzione, riduzione dell’impatto ambientale.

“In questo anno così importante per la nostra azienda – ha fatto notare il presidente di Sacmi, Paolo Mongardi – abbiamo scelto di sviluppare una serie di iniziative che, in coerenza con i nostri valori, possano rappresentare un supporto concreto non solo alla qualità della vita della nostra città ma, anche, contribuiscano a rendere, anche visivamente, l’unicità ed il valore del nostro territorio. Riteniamo l’iniziativa di Hera di grande valore per la possibilità, data alle aziende e ai privati, di contribuire attivamente alla valorizzazione del patrimonio pubblico, come lo sono a pieno titolo le nostre strade e le opere connesse”.

Oltre ad essere simbolo di Sacmi, il grifo rappresenta una delle tre parti che compongono lo stemma della città di Imola. Ali e zampe anteriori d’aquila, orecchie da cavallo, coda e zampe posteriori da leone, questa figura chimerica simboleggia la custodia, la vigilanza e la forza della comunità imolese, mentre la spada ne rappresenta l’indole guerriera. Nel logo Sacmi la figura è inserita all’interno di una ruota dentata, un ingranaggio, simbolo della meccanica a 12 denti ognuno dei quali rappresenta un mese dell’anno.

Sacmi, che in base alla convenzione si farà carico della manutenzione dell’opera nel tempo, aggiunge in questo modo un altro tassello ad un percorso che mira a sottolineare il ruolo dell’azienda come “fabbrica della città di Imola”. Fondata nel 1919 da 9 tra meccanici e fabbri imolesi disoccupati, la Cooperativa taglierà il 2 dicembre prossimo il traguardo del primo centenario di attività, a capo di un Gruppo da oltre 4.500 dipendenti e 1,44 miliardi di euro di fatturato.