Da sinistra Fabiano Cavina in maglia verde e Marco Casalini, segretario della Lega imolese

Imola. Da tempo era in forte polemica con l’Amministrazione comunale guidata dalla sindaca Manuela Sangiorgi e con il suo gruppo di appartenenza, quello del Movimento 5 stelle che lo lasciava intervenire raramente in consiglio comunale e dove si era isolato.

Ora il consigliere comunale Fabiano Cavina ha fatto un passo nuovo e deciso nella sua attività politica, è passato nel gruppo della Lega. “Non rinnego nulla del mio passato di attivista e di convinto sostenitore degli ideali che hanno motivato le battaglie del M5S, ma di fronte all’immobilismo amministrativo della giunta imolese e all’indigeribile ‘patto delle poltrone’ che si è consumato a Roma (con il Pd, ndr), non posso che dire addio a un movimento che mi ha deluso e non mi rappresenta più”.

Con queste motivazioni Fabiano Cavina, militante dei 5 stelle, consigliere comunale e presidente della commissione Territorio e ambiente, ha assunto la decisione di passare alla Lega, “nella certezza di poter ancora sostenere, a testa alta, le tematiche che mi hanno sempre visto in prima linea”.
“Una decisione importante che porta un valore aggiunto alla Lega e al gruppo in consiglio comunale”, è il commento dell’on. Jacopo Morrone, segretario della Lega Romagna, e di Marco Casalini, segretario comunale del Carroccio.
Certamente Cavina, se fosse stato del tutto fedele agli ideali del M5s, avrebbe potuto dimettersi piuttosto che cambiare casacca, pur essendo la sua decisione pienamente legittima. Ora si vedrà se il gruppo pentastellato riuscirà a restare unito nei prossimi mesi o se accadrà qualcosa di diverso, essendoci altri consiglieri che non apprezzano, almeno in parte, la linea portata avanti dalla sindaca Manuela Sangiorgi. Ora i cosiddetti “dissenzienti” potrebbero far valere maggiormente il loro peso. E nella Lega perde potere contrattuale Simone Carapia. A favore di Daniele Marchetti? Quando si sapranno le liste per le elezioni regionali del prossimo novembre, si capirà meglio
(m.m.)