Milano. E’ di poche settimane fa l’annuncio che Cyberoo, società reggiana specializzata nella cyber security, ha avviato l’iter di quotazione sul mercato Aim Italia, ora arriva la notizia della conclusione di un importante contratto pluriennale di cyber security del valore complessivo di oltre 400.000 euro attraverso il partner strategico Sedoc, storico gruppo attivo nel settore dell’Information technology.

Il contratto, della durata di quattro anni, è stato siglato con una delle principali società italiane per dimensione, classificata come large enterprise, che dispone di oltre 5.000 postazioni, tra appliance, endpoint e server. L’accordo, oltre ad essere uno dei più grandi contratti per controvalore nella cyber security, ha anche un’importante valenza strategica per Cyberoo, in quanto le consente di entrare come protagonista nel mercato delle grandi imprese.

Il successo dell’operazione conferma peraltro la bontà del modello di business basato sul canale dei partner distributori, che si va sempre più consolidando: Cyberoo, dopo l’accordo strategico comunicato in data 31 luglio 2019, sta infatti negoziando ulteriori contratti di questo tipo con primari operatori di information technology.

Grazie alla sua portata innovativa e ai servizi ad alto valore aggiunto, Cyberoo è stata inoltre protagonista della scalata del Gruppo Sedoc ai vertici delle classifiche dei migliori Managed Service Provider, posizionandosi come 1° azienda italiana sul mercato degli MSP e al 95° posto a livello world wide tra le imprese candidate all’MSP 501, una delle più importanti classifiche mondiale di Managed Servicer Provider.

Il Gruppo ha inoltre scalato i vertici delle classifiche dei migliori Managed Service Provider in zona EMEA, passando dal sesto al quarto posto tra le aziende maggiormente innovatrici e all’avanguardia1.

Un Managed Service Provider è un fornitore di soluzioni di Information Technology che eroga servizi in modalità gestita da remoto, occupandosi non solo dell’erogazione del servizio ma anche della gestione e del monitoraggio.

“Siamo orgogliosi di contribuire alla crescita del Gruppo”, ha dichiarato Fabio Leonardi, CEO e co-fondatore di Cyberoo. “Grazie a Sedoc abbiamo avuto la possibilità di lavorare con più di 43.000 dispositivi informatici e di raccogliere da questi enormi quantità di informazioni e dati. Il passo successivo e fondamentale, però, è stato quello di capire che queste informazioni potevano essere correlate per creare sistemi di sicurezza avanzatissimi, tramite strumenti di intelligenza artificiale e algoritmi di correlazione. Ora Cyberoo ha intenzione di espandersi e farsi conoscere sia a livello nazionale che internazionale, conquistando nuove quote di mercato e siglando partnership strategiche. Per questo abbiamo avviato l’iter di quotazione sul mercato AIM Italia e proseguiamo spediti in questa direzione, per raccogliere nuove risorse e accelerare la nostra crescita.”