Imola. Si terrà venerdì prossimo, 27 settembre, il 3° “Global Strike for future”. Un appuntamento che il ministro per l’istruzione Lorenzo Fioramonti (M5S) ha particolarmente a cuore. Così tanto che oggi ha vergato per mano della sua Capo dipartimento una nota dove invita le scuole a tenere ben presente la rilevanza dell’evento e, di conseguenza, a giustificare le assenze degli studenti che vi parteciperanno.

La lettera del ministero dell’Istruzione

Una iniziativa, quella del ministro dell’istruzione che rilancia il tema molto sentito dai giovani ai quali “stiamo rubando il futuro” (parole di Greta Thumberg, l’attivista svedese che ha dato inizio alla protesta, ndr). Greta che proprio oggi ha tenuto un discorso molto deciso di fronte all’Onu. Discorso che non lascia spazio a interpretazioni. “Come osate? Siamo all’inizio di un’estinzione di massa. E tutto ciò di cui parlate sono i soldi? Come osate?”

Discorso, quello pronunciato da Greta, carico di accuse per un mondo che sta andando verso l’autodistruzione per sete di denaro. “Il mio messaggio è che vi terremo d’occhio. Tutto questo è così sbagliato. Non dovrei essere qui, dovrei essere a scuola, dall’altro lato dell’Oceano. Venite a chiedere la speranza a noi giovani? Come vi permettete?”. E ancora: “Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote, e io sono tra i più fortunati. Le persone stanno soffrendo, stanno morendo. Interi ecosistemi stanno collassando. Siamo all’inizio di un’estinzione di massa. E tutto ciò di cui parlate sono soldi e favole di eterna crescita economica? Come vi permettete?”

E ancora più chiaramente “Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi, e se sceglierete di fallire non vi perdoneremo mai”, ha aggiunto, sottolineando che “il mondo si sta svegliando e il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”. “Il mio messaggio è che vi teniamo gli occhi addosso”.

Greta Thumberg

Messaggio che il ministro Fioramonti ha voluto rafforzare chiedendo a tutte le scuole, nella loro autonomia, di considerare educativo e indubbiamente rilevante lottare per fermare i cambiamenti climatici in corso. Con l’unico mezzo che abbiamo a disposizione: i nostri ragazzi.

(Verner Moreno)