Andrea Cerulli, nuovo capogruppo del M5s in consiglio comunale a Imola

Imola. “La mia decisione di dimettermi deriva dal fatto che la maggioranza formata dal Movimento 5 stelle non ci sia più, già tre volte una parte del gruppo ha votato diversamente da un’altra parte impedendo l’approvazione di alcune delibere. Comunque già dallo scorso aprile esistono problemi pesanti. Ho cercato di saper qualcosa dal livello nazionale del M5s, ma evidentemente ora hanno altri problemi a cui pensare piuttosto che a Imola. Insomma non vedo le condizioni per ricucire”. Così Simone Righini spiega la sua decisione di lasciare il posto di consigliere comunale, probabilmente a Luciana Wanda Franceschini.

Righini, cosa è accaduto ad aprile?

“Mi risulta che qualcuno dei cosiddetti ribelli sia andato a Roma per tramare di far cadere la giunta, di conseguenza non mi fido più di loro anche se adesso dicono di volere arrivare a un accordo”.

E i lealisti verso la sindaca che rimangono?

“Tutti costoro hanno voglia di andare avanti, ma mi pare che in giunta ci siano alcuni assessori non adeguati al ruolo che ricoprono. A volte è stato davvero difficile sostenerli”.

In tutto ciò come si è comportata la sindaca Manuela Sangiorgi?

“In primavera qualche segnale di distensione l’ha dato, anche quelli che poi sono diventati ribelli erano disponibili a trattare ma solamente alla condizioni che fossero ritirate delle querele fatte nei loro confronti da un appartenente alla giunta che, nelle loro intenzioni, doveva essere allontanato dall’Amministrazione. La Sangiorgi non ha accettato, d’altronde è lei che nomina o sfiducia gli assessori, e la situazione è andata a degenerarsi fino a un punto, a mio modesto avviso, di non ritorno. Quando ci sono degli scontri così grossi dal punto di vista personale è quasi impossibile andare avanti”.

Secondo lei, potrebbe cadere a breve la giunta pentastellata?

“Ho il sentore che qualcuno che ha contatti con il livello nazionale abbia suggerito ai ribelli di non aizzare troppo il conflitto fino alle elezioni regionali del 26 gennaio. Dopo, i giochi si riapriranno”.

Intanto, dopo le dimissioni di Righini è stato nominato nuovo capogruppo Andrea Cerulli.

(m.m.)