Imola. Ben 108 cantanti lirici di 34 nazionalità diverse si sfideranno a teatro nella “Stignani competion” in un concorso per cantanti lirici il cui vincitore accederà direttamente alla finale di un premio simile a New York. La sindaca e assessora alla Cultura Manuela Sangiorgi ha espresso “la grande soddisfazione per la città di avere per le prove e sul palcoscenico tanti virtuosi in città, in maggioranza donne. Invito tutti i cittadini a partecipare alla serata della finale il 6 ottobre, alle 20.30, che sarà a ingresso gratuito”.

Il direttore dei teatri Luca Rebeggiani ha precisato che “ci sarà un premio dedicato anche al miglior cantante che verrà scelto dal pubblico. Si tratta del secondo tributo a Ebe Stignani, grande mezzosoprano del secolo scorso, dal 1930 al 1950, che visse diversi anni a Imola. Le audizioni cominceranno martedì 1° ottobre e proseguiranno, quando saranno tutti presenti, da mercoledì 2 ottobre in poi. Un cantante d’opera non sarà giudicato solamente dalle sue capacità vocali ma pure da come sa stare sul palco e da cosa riesce a trasmettere”.

Il maestro di pianoforte Francesco Frudua, l’ideatore con Elvira Hasanagig, ha ricordato: “I cantanti vengono da tutto il mondo, 11 dalla Russia, dalla Corea e dalla Cina e 10 dall’Italia. Ma ce ne sono pure dall’Islanda, dalle Filippine e da tante parti del pianeta. Alle semifinali ne approderanno 25 che dovranno confrontarsi su due arie: una scelta da noi e una da loro. In finale, arriveranno i primi dieci. Poi, la giuria composta da personaggi di grande spessore aggiudicherà il primo, il secondo e il terzo premio in denaro che, è bene chiarirlo, danno soprattutto prestigio. Poi ci sarà il premio assegnato dal pubblico e quello alla miglior voce drammatica. Si tratta anche di offrire opportunità di lavoro ai cantanti e pure per tale motivo non abbiamo messo limiti di età”.

(m.m.)