Imola. Armati di pistola due fratelli imolesi di 24 e 18 anni stavano minacciando un giovane di 22 anni sotto casa sua in una frazione di Imola perché avevano un affare in sospeso, pare la vendita di una bicicletta. Il tutto è avvenuto nella notte di sabato 12 ottobre. Il 22enne, impaurito, ha chiamato la polizia e una volante si è recata velocemente sul posto. Ma i due fratelli si erano già allontanati. Così gli agenti si sono fatti descrivere i due personaggi, l’auto che avevano utilizzata e il luogo dove abitavano.

Giunti alla casa dei due, gli uomini della volante hanno trovato l’auto senza nessuno dentro. Hanno continuato le ricerche e, poco dopo, sono riusciti a scovare uno dei due fratelli cominciando a perquisirlo. Fra i jeans e le mutande hanno trovato una pistola ad aria compressa con il “cane” armato pronta a sparare a pallini. Nel frattempo, è arrivato l’altro fratello che non aveva nulla addosso. Tornati alla macchina dei due, gli inquirenti hanno scoperto un coltello a serramanico con una lama di ben nove centimetri.

Visto che erano entrambi incensurati, i due fratelli sono stati denunciati per minacce aggravate in concorso, porto d’armi e oggetti atti a offendere.

(m.m.)