L’Aned Imola organizza per domenica 24 novembre un viaggio al “Museo della deportazione di Prato” e al “Memoriale italiano di Auschwitz a Firenze”. Ad aprile di quest’anno, dopo un travagliato trasporto ed un meticoloso restauro ad opera dell’Opificio delle pietre dure, è stato inaugurato questo importante simbolo della deportazione italiana.

Memoriale italiano di Auschwitz a Firenze

Il Memoriale è una delle prime opere multimediali europee frutto di una progettazione collettiva e corale a cui contribuirono lo studio di architettura di Milano BBPR (Banfi, Belgiojoso, Pressutti e Rogers), lo scrittore Primo Levi, il pittore Mario “Pupino” Samonà, il regista Nelo Risi e il compositore Luigi Nono.

Il Memoriale è costituito da una passerella lignea circondata da una spirale ad elica all’interno della quale il visitatore cammina come in un tunnel. La spirale è rivestita all’interno con una tela composta da 23 strisce dipinte da Pupino Samonà, seguendo la traccia del testi di Primo Levi, mentre dalla passerella sale la musica di Luigi Nono intitolata “Ricorda cosa ti hanno fatto in Auschwitz”

Per informazioni e prenotazioni (entro il 9 novembre): tel. 349.7890107 (Angela), 391.4641855 (Aned – solo sabato mattina), 349.4292866 (Marco Orazi) – mail: anedsezioneimola@gmail.com

La partenza è prevista per le ore 8 di domenica 24 novembre dal parcheggio del Rirò in via Selice. Alle 10 la visita al Museo della Deportazione di Figline (Prato), alle 12.30 il pranzo al circolo Arci di Figline, alle 15.30 visita al Memoriale italiano di Auschwitz a Firenze.