Bologna. Una stagione per marroni e castagne a macchia di leopardo. Il Salone nazionale marroni e castagne d’Italia, in programma a Fico Eataly World, da venerdì 8 a domenica 10 novembre, sarà l’occasione per tirare un primo bilancio della stagione 2019.

“Le prime settimane di raccolta sono state positive – spiega Ivo Poli, presidente dell’Associazione nazionale Città del castagno, che organizza la manifestazione assieme al Centro di studio e documentazione sul castagno di Marradi e a Fico Eataly World –. In Calabria si è raccolto il 20-30% di castagne e di marroni in più rispetto allo scorso anno. In Trentino, in Toscana e in Lazio la qualità è elevata”.

Problemi, invece, nella Vallata del Santerno e nell’alto Mugello dove la riduzione della produzione è più accentuata, anche se la qualità si mantiene eccellente. Da qui al termine della raccolta, “tutto è in mano al clima – aggiunge Poli –. In qualche regione sta piovendo, e una piovosità elevata e prolungata potrebbe favorire la proliferazione di un fungo che rischia di compromettere l’intera raccolta di un produttore nel giro di due giorni. Per questo confidiamo in un tempo atmosferico favorevole”.

I cambiamenti climatici saranno solamente uno fra i molti argomenti al centro della seconda edizione del Salone nazionale marroni e castagne d’Italia, e in particolare del convegno di apertura (venerdì 8, ore 11), dal titolo “Selve castanili e cambiamenti climatici – Quali interventi attuare”, di cui saranno relatori principali, a fianco di Poli, Alberto Manzo, funzionario coordinatore del tavolo di filiera della frutta in guscio presso il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali, Alberto Maltoni, ricercatore del Dipartimento di scienze e tecnologie agrarie, alimentari, ambientali e forestali dell’Università di Firenze, e Giorgio Maresi, ricercatore della Fondazione Edmund Mach di San Michele all’Adige.

“Saranno tre giornate dedicata alla castanicoltura a 360 gradi – continua il presidente dell’Associazione nazionale Città del Castagno –. Si parlerà di produzione, commercializzazione, utilizzo in cucina, attualità, didattica, ambiente e turismo/promozione del territorio”.

Il programma

– Tradizionale esposizione-mercato dei produttori, provenienti da cinque regioni italiane;

– Convegno (sabato 9, ore 10.30) “Selve castanili e paesaggi – Nuove destinazioni e offerte turistiche” a cui parteciperà l’assessore al Turismo della Regione Emilia Romagna Andrea Corsini;

– Mostra, unica del suo genere, delle diciassette Dop e Igp di castagne e di marroni nazionali e delle relative filiere corte;

– Concorso nazionale degli istituti alberghieri Chef del futuro;

– La prima mostra con degustazioni “Le birre dei castagni”.