Imola. Sono stati realizzati, grazie all’intervento della Fondazione Istituzioni Riunite Imola con un contributo di 15mila euro, i necessari interventi di manutenzione nel Santuario della Beata Vergine delle Grazie, un santuario, compreso nel complesso monumentale dell’Osservanza, nel quale fin dal 1400 gli imolesi si recavano a pregare quando il convento era situato fuori dalle mura della città.

“Siamo stati interpellati per tale iniziativa dal Comitato che si impegna per il restauro del convento – ha detto il presidente della Fondazione Iri Edore Campagnoli – e abbiamo raccolto con piacere l’idea perché ha un valore religioso, artistico culturale e sociale”.

L’architetto Stefania Campomori ha spiegato i termini della riqualificazione: “Visti i problemi di umidità che hanno creato un degrado, siamo intervenuti per il ripristino di parte del pavimento in seminato alla veneziana, con sostituzione delle parti ammalorate, il ripristino delle pareti decorate a stucco della parte ovest (a destra dell’ingresso guardando l’altare), anche in questo caso con sistemazione delle parti in difficoltà, la messa a norma e manutenzione dell’impianto elettrico e di illuminazione, con il passaggio dall’attuale sistema tradizionale fluorescente e a incandescenza con tecnologia a led. L’intervento sugli impianti consente la migliore illuminazione delle volte e delle opere contenute in questo prezioso scrigno così caro alla devozione imolesi da molti secoli”.

Sono invece pressoché ultimati i lavori di rifacimento della cucina del circolo Silvio Pellico e dei servizi legati alle attività dello stesso circolo culturale e ricreativo, mentre tra poche settimane partirà il cantiere per il restauro degli spazi intorno al secondo chiostro, delle aule parrocchiali e didattiche e degli ambienti utilizzati dagli scout, presenti all’Osservanza da oltre 60 anni.

E la capogruppo del Fai Paola Bizzi ha ricordato come “il convento dell’Ossservanza sia ormai da tempo considerato da noi un ‘luogo del cuore’ con visite primaverili e autunnali, ci teniamo molto e lo sosteniamo”.

L’evento di inaugurazione, “Nuova luce al Santuario”, è in programma sabato 17 novembre alle 18. Saranno presenti: Edore Campagnoli, presidente della Fondazione Istituzioni Riunite, monsignor Giovanni Mosciatti, vescovo della Diocesi. A seguire ci sarà la recita del santo Rosario alla Beata Vergine delle Grazie.