Faenza. “Sospensione Sublunare”: questo è il titolo dell’evento promosso dall’associazione culturale “Fatti d’Arte”, patrocinato dal Comune di Faenza, che avrà luogo venerdì 15 e sabato 16 novembre dalle 17, ore 18.30, al cinema teatro “Sarti” a Faenza.

Due pomeriggi interamente dedicati alla luna come “luogo altro in cui tutto è possibile sospendere il giudizio su noi stessi, sugli altri e su ciò che ci accade”. Nella prima parte di questo appuntamento con il nostro satellite, i partecipanti all’evento verranno accolti nel foyer del cinema e potranno visitare la mostra allestita e curata dal gruppo Astrofili faentini, passando inoltre attraverso il chiostro e le parti più nascoste del fondale del vecchio teatro.

Successivamente, guidati e suggestionati dalle parole delle due attrici Sofia Abbati e Veronica Bassani, i partecipanti si avventureranno nel “Magazzino delle cose sperse”, una sorta di archivio lunare in cui viene lasciato tutto ciò che ci appesantisce e ci rende indifferente, ossia tutto quello che ormai non trova più spazio sulla terra. Le attrici porranno la domanda “Cosa lasceresti sulla luna?”. I fortunati selenauti, che prenderanno parte a un laboratorio teatrale in cui tramite i gesti, la voce e l’immaginazione, potranno lasciare sulla luna un gesto, una parola o una personalissima storia. Sosterranno ed accompagneranno questo viaggio le composizioni musicali di Lorenzo Travaglini, interamente realizzate con suoni registrati in teatro e altri creati dal vivo durante il laboratorio con i selenauti.

Inoltre essendo il tutto all’interno di un cinema-teatro la scenografia verrà proiettata sul grande schermo con un video a cura di Daniele Manno. Alla fine del viaggio, ognuno potrà racchiudere in un pezzetto di luna la propria parola/storia, dove custodire il ricordo di quest’esperienza. Un piccolo luogo altro dove la sospensione del giudizio possa continuare ad esistere e dentro cui preservare, anche fuori dal teatro, le proprie cose dimenticate (o da dimenticare). L’ingresso all’esperienza e alla visita “lunare” è gratuito, previa prenotazione al 339.4584683.

(Annalaura Matatia)