Bagnacavallo (RA). Si potrebbe pensare ad un’ennesima trovato commerciale per promuovere la propria azienda, ma la campagna “5 kg di prodotti per un pugno di mozziconi”, nata dalla collaborazione tra l’azienda agricola “La Valle delle Albicocche” e Cambiavento. Vuole essere molto di più. L’obiettivo è quello di uscire dalla logica dei soliti slogan e di fare qualcosa di davvero utile, piccolo, ma utile. Il progetto nasce da una associazione, Cambiavento, che da diversi anni si muove sul terreno della sostenibilità, e da un’azienda, ”La Valle delle Albicocche”, che ha fatto della sostenibilità la sua bandiera, avendo scelta molti anni fa di produrre pulito.

Chiaro che l’aspetto promozionale è importante per un’azienda che ha deciso di puntare sula vendita diretta, online, sui mercatini, non accettando di farsi strozzare da chi pretende la frutta e verdura a dei prezzi ridicoli.

La campagna, quindi, è solo uno delle tante iniziative messe in campo per fare convivere la propria attività con l’impegno sociale ed ambientale. E le persone lo stanno capendo. “In tanti hanno chiesto informazioni e ora c’è chi raccoglie i mozziconi dentro al Pavaglione di Lugo di Romagna, contribuendo così a tenere pulita la piazza, chi nell’intervallo del lavoro li raccoglie camminando per il centro di Ravenna, c’è qualche fumatore che non li getta più tra i rifiuti, ma li tiene in un contenitore a parte, chi abita più lontano è dispiaciuto per non potere partecipare”, racconta Domenico Errani, produttore della Valle delle Albicocche (con terreni nella Valle del Santerno e a Bagnacavallo).

La campagna “5 kg per un pugno di mozziconi” è partita alla grande e sparsi nelle varie città e paesi del territorio romagnolo (Lugo, Ravenna, Imola, Faenza, Bagnacavallo, Forlì, ecc.) ora ci sono tanti “raccoglicicche” che, portandosi dietro un sacchettino, contribuiscono, ciascuno nel suo piccolo, a liberare le nostre strade e piazze da quei rifiuti impestanti.

Una iniziativa che ci riserva tante belle storie come quella di Luciano, docente di geografia in pensione, che da Lugo ci ha cercato per aderire nonostante che l’età e gli acciacchi. Oppure il Villaggio del Fanciullo di Ravenna che si è già messo in moto per collaborare alla raccolta. E ancora Matteo che da Modena racconta la sua storia di raccoglitore di mozziconi per ricavarne delle opere d’arte.

E non è finita: ambiente, arte e… perché no, economia! Da Torino arriva il contatto con i tecnici di Tetra Engineering che hanno lanciato il progetto APRM “Adotta un posacenere”, una iniziativa di sensibilizzazione al comune senso civico, di sostenibilità sociale e ambientale che però ha anche un risvolto di carattere economico. Infatti il progetto non intende solo di liberare le città dai mozziconi, ma anche riutilizzare l’elemento inquinante trasformandolo in un’utile risorsa.
Infatti, dopo la raccolta e lo stoccaggio, avviene il trasporto al Reattore Idrotermale, dove si sviluppa il processo di Carbonizzazione Idrotermale che trasforma i mozziconi in Biocarbone, utilizzabile in diverse applicazioni industriali. Per esempio: pigmento per inchiostri e pitture, sequestrante d’acqua, produzione carboni attivi, precursore per nerofumo, produzione di ammendanti, abrasivi (come il carburo di silicio), ma potrà essere utilizzato qualsiasi altro processo o metodologia atti allo scopo.
Infine in queste ore sta nascendo un forte interesse per l’iniziativa da parte di alcune amministrazioni comunali.

“Chissà se da un sassolino lanciato nello stagna non possa nascere qualcosa che possa collegare l’esigenza di tenere pulite i nostri spazi di vita con progetti di carattere culturale ed economici. Io credo – conclude Errani – che con queste realtà si possano stabilire delle collaborazioni che vadano oltre le semplice raccolta e smaltimento del rifiuto”.

Come aderire alla campagna
Per aderire alla campagna scriveteci a info@lavalledellealbicocche.it. Una volta raggiunto il peso dei mozziconi lo comunicate e la consegna con conseguente ritiro dei 5 kg di prodotti potrà avvenire il lunedì e giovedì a Imola, dalle 17.30 alle 18.30, presso la sede dell’associazione Primola, in via Lippi 2/C a Imola. Oppure tutti i giorni (previa accordo telefonico) direttamente in azienda in via Granaroli 8 a Bagnacavallo (RA).

Per ulteriori informazioni tel. 334.1308514 – www.lavalledellealbicocche.it