Imola. Nell’Aula Magna della biblioteca comunale, il Commissario al Comune Nicola Izzo, ha incontrato i giornalisti del territorio per avviare la reciproca conoscenza. Il luogo dell’incontro, ovvero la biblioteca, non è stato scelto a caso, ma “per sottolineare l’importanza della cultura, che insieme alla scuola e alla famiglia (è nonno, ndr) è elemento trainante e formativo per una società democratica e consapevole” ha spiegato Izzo.

Nel corso dell’incontro, il Commissario al Comune ha per primo rivolto il suo saluto alla comunità dei cittadini imolesi, ha poi ringraziato quanti gli hanno formulato gli auguri di buon lavoro, tra cui anche partiti ed associazioni politiche. Il Commissario ha affermato di essere al servizio dei cittadini, con l’obiettivo anche di esaltare e far conoscere tutte le eccellenze di Imola, che ha definito “una bella città, ricca di cultura e tradizioni democratiche. Sono stato Commissario recentemente a Rovigo e vivo a Pavia, ma non ero mai stato in Emilia Romagna”.

Sulle principali questioni lasciate aperte dalle dimissioni assai anticipate della sindaca Manuela Sangiorgi, Izzo ha sottolineato che la sua “sarà una gestione solo amministrativa, non politica. Ho già in agenda un incontro sulla Variante al Rue e sulla gestione della piscina dell’impianto del palaRuggi cercherò di risolvere i problemi percorrendo la via del dialogo”.

Fra gli adempimenti previsti nelle prossime settimane, il Commissario ha evidenziato il bilancio di previsione 2020 del Comune di Imola entro il 31 dicembre per non dover incorrere nell’esercizio provvisorio. “Al suo interno privilegeremo gli interventi sull’edilizia scolastica e la sicurezza di tutti i luoghi frequentati o aperti al pubblico e una particolare attenzione verso l’infanzia ed i giovani, per favorire la crescita culturale delle nuove generazioni”.