La collaborazione fra la Ausl di Imola e Villa Maria Cecilia Hospital di Cotignola, struttura di eccellenza nell’abito della cardiologia, verrà rinnovata. O, almeno, questo è l’obiettivo visto che oggi la convenzione è scaduta anche se “tacitamente rinnovata come accade di consuetudine”, così scrive l’azienda sanitaria imolese.

Villa Maria Cecilia Hospital

La vicenda di Villa Maria, della quale a giugno scorso abbiamo pubblicato una preoccupata lettera di 61 medici imolesi, pare – un dubbio, quantomeno formale rimane – in via di risoluzione. Secondo la Ausl di Imola “non ci sono sostanziali novità rispetto a quanto già dichiarato in varie occasioni. Con Villa Maria Hospital Center tutto prosegue senza modifiche di sorta. Nello specifico la collaborazione tra l’Azienda USL di Imola e Villa Maria Cecilia Hospital (VMCH) di Cotignola si basa su un accordo di fornitura di prestazioni ospedaliere di alta specialità, complementari alle prestazioni fornite dal Presidio ospedaliero a gestione diretta. Tale accordo, la cui prima stesura risale ai primi anni 2000, è stato poi successivamente rinnovato senza soluzione di continuità in ragione dell’affidabilità di VMCH nell’erogazione delle prestazioni e dei servizi. La programmazione regionale riconosce questo centro come “hub” per la cardiologia interventistica e la cardiochirurgia e sono questi gli ambiti di attività su cui si concentra la collaborazione con l’Azienda Usl di Imola”.

Pertanto i “forti indizi che in concomitanza con la nomina del nuovo primario cardiologo, proveniente da Bologna, l’Ausl di Imola possa cessare la convenzione” espressi dai medici di base e pediatri imolesi potrebbero dissolversi presto. Rimane però il fatto che – come precisa la Ausl imolese –  “la proroga della convenzione (scaduta il 31 dicembre 2018, ndr) garantirà la prosecuzione delle attività consolidate fino alla definizione del nuovo accordo, che sarà effettuato dalle parti nell’ambito dell’accordo quadro AIOP-RER 2019-2021 (non ancora sottoscritto, ndr), essendo il livello regionale il titolare della programmazione delle alte specialità”.

In altre parole la volontà della Ausl di Imola di rinnovare, anche fuori dal regime di proroga la convenzione con Villa Maria pare fuori discussione ma la sua definitiva formalizzazione è, ancora,  subordinata all’accordo quadro che deve sottoscrivere la regione Emilia-Romagna.

(Verner Moreno)