Imola. Al circolo cinematografico Cappuccini si accendono i riflettori su Imola, città dei matti. Come si gira un documentario nella no man’s land tra Emilia e Romagna? Perché parlare di Imola? Sono queste le due domande che il gruppo Liceali Doc del Liceo scientifico Valeriani si è posto per raccontare una città e promuovere un territorio.

Guidati da professori della scuola e tutor esterni della DE-R, l’Associazione documentaristi Emilia-Romagna, gli studenti hanno scritto, girato e montato due documentari che verranno proiettati il 16 dicembre a Imola, in via Villa Clelia 12, dalle ore 18. “È un progetto che vede i ragazzi impegnati su tantissimi fronti”, sono le parole con cui la referente di Liceali Doc, Barbara Marabini, ha definito questo percorso finanziato dal Miur e dal Mibact, finalizzato all’acquisizione di esperienze relative al mondo del lavoro e all’uso di videocamere professionali, microfoni, piattaforme digitali, software per il montaggio non convenzionalmente presenti e adottati nelle scuole.

Il Pcto (Percorso per le competenze trasversali e per l’orientamento) “Liceali Doc: fare documentari a scuola” è sostenuto da diversi partner come IF Imola Faenza, Cinecircolo Cappuccini, Cinema parrocchiale Don Fiorentini, Rotary Club Imola e culminerà il 16 dicembre prossimo in una serata moderata da Giorgio Conti con la partecipazione del giovane poeta bolognese, molto seguito su Instagram, Luca Gamberini.

Ma quali sono i temi toccati dai Liceali Doc? Le tre classi del liceo Scientifico Valeriani hanno affrontato più argomenti di quelli previsti e hanno scoperto che i confini sono luoghi di passaggio, non limitazioni. La 4ª A si è occupata di Imola tra Emilia e Romagna, nella sua composita dimensione culturale e la discussione ha approfondito la conoscenza di Imola come simbolo di incontro tra culture. Uguale valore simbolico è rivestito dal cortometraggio sul manicomio dell’Osservanza, elaborato in forma multimediale dalla 4ª B che ha intervistato ex infermieri e medici. A svolgere il ruolo di ufficio stampa e social media manager dell’intera iniziativa sono stati i ragazzi di 3ª A che in questo periodo hanno imparato l’importanza del lessico dei media e dei social network per la pubblicizzazione di un evento, con un’attenzione speciale per grafica e videoclip promozionali.

L’invito è di partecipare all’incontro del 16 dicembre, dalle ore 18, al circolo cinematografico dei Cappuccini di Imola. Inoltre, per continuare a conoscere l’inedito racconto della città dei Liceali Doc seguite e commentate sui canali social: Instagram e Twitter: @Liceali Doc; Facebook: Liceali Doc Imola.