Medicina. Notte di Natale passata all’inseguimento. E’ accaduto ai carabinieri che volevano effettuare una serie di controlli inerenti furti sui bancomat. Verso le 4 del 25 dicembre, in una strada periferica, è passata un’auto grigia di grossa cilindrata considerata assai sospetta.

Nonostante l’utilizzo dei dispositivi sonori e luminosi da parte del mezzo militare che cercava di raggiungere il veicolo in questione, in transito sulla Strada Provinciale 3 “Trasversale di Pianura”, il conducente in fuga si è dileguato in direzione di Castel San Pietro.

Appresa la notizia, la Centrale Operativa del 112 della Compagnia carabinieri di Imola ha disposto l’impiego di altre autoradio a supporto dell’inseguimento. Tuttavia, la velocità sostenuta dell’autovettura in fuga e il favore del buio ne hanno fatto perdere le tracce.

Ripercorrendo la strada oggetto dell’inseguimento e compiendo una verifica dello stato dei luoghi, i carabinieri hanno rinvenuto due ordigni esplosivi improvvisati, in lingua inglese Improvised Explosive Device, abbreviato Ied e comunemente chiamati “Marmotte”, abbandonate in mezzo alla strada, tra via Bastiana e via Stradelli Guelfi. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della Sezione Investigazioni Scientifiche del Comando Provinciale di Bologna per gli accertamenti e i rilievi tecnici. E’ probabile che i due ordigni siano stati abbandonati dal conducente o da altri complici a bordo del veicolo in fuga, per evitare di farsi trovare in possesso degli stessi, normalmente utilizzati di notte dai criminali per far esplodere i bancomat degli istituti di credito.