Imola. Dovrà essere un Capodanno il più possibile sicuro. In particolare nella zona dove si concentrano  da sempre la maggior parte delle persone (migliaia) alla Rocca sforzesca dove si svolge lo spettacolo pirotecnico musicale con annessi fuochi d’artificio di livello artistico.

Di conseguenza il Commissario prefettizio con funzioni di sindaco Nicola Izzo, ha emesso due ordinanze delle quali dovranno tener conto tutti i cittadini e coloro che saranno adibiti al controllo, forze dell’ordine comprese.

La prima prevede il divieto di vendita per asporto e somministrazione di qualsiasi tipo di bevande, anche
analcoliche, in contenitori di vetro e lattine e quindi il divieto d’ingresso nelle vie che portano alla Rocca con bottiglie, bicchieri di vetro e lattine che potrebbero creare pericolo se fossero buttate a terra, si rompessero e qualcuno dovesse caderci sopra. Il secondo problema è il divieto all’uso di strumenti di autodifesa quali il cosiddetto spray al peperoncino. L’inosservanza delle disposizioni della presente ordinanza è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.
La seconda ordinanza vieta già da alcuni giorni e fino al 6 gennaio di effettuare e far effettuare lo scoppio di petardi, mortaretti ed artifici similari e di ogni tipo di fuoco pirotecnico in luogo pubblico o di uso pubblico e nei luoghi privati da cui possano essere raggiunte o interessate direttamente aree e spazi ad uso pubblico, il divieto di utilizzare fuochi pirotecnici, non posti in libera vendita, nei luoghi privati, senza l’apposita licenza e il divieto di utilizzare fuochi pirotecnici, anche posti in libera vendita, nei luoghi privati, senza rispettare le istruzioni per l’uso stabilite dalle etichette e le prescrizioni. L’inosservanza delle disposizioni della presente ordinanza è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.