Imola. “La festa del Paradiso”, di cui Leonardo da Vinci fu inventore, scenografo, costumista e regista su incarico di Ludovico il Moro a Milano la sera del 13 gennaio 1490, verrà riproposta ad Imola domenica 19 gennaio a palazzo Sersanti, dalle ore 17.30, a cura del Club di territorio di Imola del Touring club italiano e dell’associazione turistica Pro Loco di Imola, con la collaborazione dell’associazione culturale Bardur.

A conclusione di una ricca serie di eventi (conferenze, visite guidate, viaggi, cartoline, video e cene) promossi per ricordare i 500 anni della morte di Leonardo “La festa del Paradiso” propone uno spettacolo con intrecci di testi, immagini e musiche in ricordo di un evento che fece epoca.

Leonardo venne incaricato di organizzare al Castello Sforzesco per le nozze di Gian Galeazzo, nipote di Ludovico il Moro, con Isabella d’Aragona, nipote del re di Napoli, una festa con danze, musiche e con una rappresentazione teatrale tesi a esaltare le virtù della sposa su versi di Bernardo Bellincioni, poeta di corte.

L’evento imolese ne propone una interpretazione originale, con qualche licenza storica. I costumi sono quello della Compagnia dei balestrieri di Imola e del Rione Rosso di Mordano. Realizzazione in diretta di un’opera ispirata alla festa realizzato da Andrea Buscaroli.

Seguirà brindisi offerto dalle cantine Leonardo da Vinci, ottenuti dalle uve coltivate nei vigneti che circondano la tenuta e realizzati seguendo le indicazioni del Metodo Leonardo®, sui terreni posseduti dalla famiglia di Leonardo nella campagna di Vinci. La mappa di Imola compare sull’etichetta di un Pignoletto superiore con cui si brinderà.

L’iniziativa è realizzata in collaborazione con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola per la concessione della sala ed il sostegno offerto a tutte le iniziative promosse per l’anniversario leonardiano dal Club di territorio di Imola del Tci e della Pro Loco di Imola.