Bologna. Una giornata di approfondimento sulle opportunità di sviluppo del comparto agricolo, grazie alle attività connesse e alle reti d’impresa viene proposta da “Terra Viva – Associazione liberi produttori agricoli”, affiliata alla Cisl. L’appuntamento è per giovedì 23 gennaio, nella Cisl di Bologna in via Milazzo 16. Interverrà Luigi Scappini, commercialista esperto del settore agricolo, che esporrà un aggiornamento sulle principali novità introdotte dalla legge di bilancio 2020 per il comparto e sulle recenti normative quali la riforma della crisi d’impresa.

Scappini si soffermerà, in particolare, sulle opportunità offerte alle imprese agricole di ampliare le proprie attività con servizi accessori e complementari alla produzione principale che vanno sotto il nome di attività connesse, sull’enoturismo e sulle possibilità organizzative permesse dai contratti di rete.
Presente anche Francesca Marchetti componente della commissione Politiche economiche competente per gli interventi in agricoltura in Regione Emilia Romagna.

“Oggi, fare agricoltura in modo tradizionale e chiudere i bilanci a fine anno con una seppur minima remunerazione del proprio lavoro, è sempre più difficile anche per l’imprenditore agricolo coltivatore diretto – afferma Claudio Risso, presidente di Terra Viva Cisl -. Assistiamo infatti ad una remunerazione dei prodotti in molti casi inferiore ai costi di produzione, a forti penalizzazione dei produttori nella ripartizione del valore all’interno delle filiere produttive, ad aumenti dei costi dei mezzi di produzione e di quelli legati alla burocrazia. Come Terra Viva vogliamo affiancare le oltre 50.000 imprese agricole associate in percorsi che valorizzano le risorse aziendali, fanno cogliere le opportunità offerte dall’essere radicate nei territori e dal poter offrire servizi nuovi alla collettività, riducono i costi di produzione ed aumentano la capacità di penetrazione nei mercati, consentono in sintesi di aumentare la loro competitività”.