Imola. Doppio appuntamento martedì 4 febbraio, in biblioteca. Si comincia alle ore 15.30, nella sala San Francesco (via Emilia 80), con “La biblioteca mantiene giovani”, la tradizionale rassegna di incontri pomeridiani rivolti agli imolesi curiosi e interessati alla loro città e alla cultura, con sei appuntamenti fino al 25 febbraio, aperti a tutti.

Di scena l’iniziativa, a cura di Francesca Bezzi (Archivio storico) e Alessio Mazzini (Biblioteca comunale) dal titolo “Pensa passare a Imola nel 1502. Libri e documenti in biblioteca e in archivio“.

Nelle carte dell’Archivio storico comunale si leggono notizie di vicende e di relazioni che documentano la vita imolese nel 1502, anno in cui Leonardo, ingegnere militare al servizio di Cesare Borgia, è a Imola per alcuni mesi e completa la famosa mappa, ora conservata nella Royal Library nel castello di Windsor. In occasione della ricorrenza dei 500 anni della morte del celebre artista e scienziato, dal 29 settembre 2019 al 4 gennaio 2020 nell’ambito della rassegna “I tesori della Biblioteca” è stata allestita una esposizione di documenti che illustrano aspetti minuti di vita quotidiana in città proprio nell’anno e nei mesi del passaggio di Leonardo.

Poi, alle ore 20.30, sempre nella San Francesco verrà presentato il libro di Loriano e Sabina Macchiavelli La bambina del lago (Mondadori, 2019).

Loriano Macchiavelli, scrittore bolognese, dal suo primo romanzo Le piste dell’attentato (1974) a oggi, ha pubblicato oltre quaranta titoli, tradotti anche all’estero. Ha scritto per il teatro, la radio e la televisione. Sabina Macchiavelli si occupa di cultura come organizzatrice di eventi, ed è insegnante di scrittura creativa e di lingue straniere.

Ne parlerà assieme agli autori, Andrea Pagani, scrittore. L’iniziativa fa parte della rassegna culturale Le forme del Narrare – 4ª edizione, a cura della associazione Ippogrifo – Vivere la scrittura.