Faenza. Un nuovo progetto che fa capo all’associazione Strada europea della ceramica, cofinanziato dal Programma Europeo Erasmus +. Azione KA 1 (mobilità dei giovani), che rappresenta il primo progetto approvato in questa fase di rinnovamento della Strada europea della ceramica: questo è Ceramicoop, che coinvolge (oltre alla Strada europea della ceramica) 3 partner internazionali: la scuola d’arte “Saules” di Dauvgapils (Lettonia), il Centro Ceramica Contemporanea “Benyamini” di Tel Aviv, e il Centro “Youth Spirit”di Amman (Giordania).

Sia i partner progettuali che le città della Strada europea manderanno giovani professionisti a Faenza per partecipare a un workshop internazionale di ceramica dal 7 al 15 marzo. In questa settimana essi si impegneranno in attività laboratoriali, teoriche ed effettueranno visite che permetteranno loro di creare nuove opere basate sulla reciproca conoscenza culturale, poiché questa iniziativa mira anche a incentivare la contaminazione culturale, la consapevolezza di altre culture , incoraggiando anche i giovani a una maggiore partecipazione alla società.

Ceramicoop è reso possibile grazie alla collaborazione tra l’associazione Strada europea della ceramica e il Comune di Faenza, oltre all’appoggio di numerosi partner, tra cui la scuola comunale di disegno “Tommaso Minardi”, Argo Project, Viaggi Erbacci , La Sabbiona , Faenza Art Ceramic Center e Museo Carlo Zauli.

(Annalaura Matatia)