La segretaria della Cgil Mirella Collina

Imola. La segreteria Cgil di Imola, in raccordo con Cgil Emilia Romagna e Cgil nazionale e fermo restando ulteriori decisioni delle Autorità sanitarie e di Governo che prevedano specifiche restrizioni, ritiene necessario continuare a garantire l’apertura di tutte le sedi sul territorio e lo svolgimento dell’attività di contrattazione, servizio e tutela in favore degli iscritti e dei cittadini. Pertanto proseguiranno sia le attività sindacali di categoria, sia le attività di tutela individuale.

Al contempo la Cgil di Imola ha adottato, già a partire da oggi, misure per rendere meno affollate le sale d’attesa: si potrà accedere ai servizi del Patronato Inca e del Caaf Teorema su appuntamento e gli utenti saranno invitati a presentarsi in sede solo all’orario assegnato, in modo da evitare il più possibile code o affollamenti. A tal fine anche negli uffici informazioni e nelle aree di attesa degli uffici di categoria potrà entrare contemporaneamente solo un numero limitato di persone.

Le assemblee sindacali il cui ordine del giorno è differibile saranno rinviate a data successiva alla scadenza dell’ordinanza regionale, fatta salva un’ulteriore proroga. I sindacati di categoria territoriali stanno verificando le problematiche che questa emergenza sta causando nei luoghi di lavoro per concordare con le aziende quali provvedimenti e misure adottare a tutela delle lavoratrici e dei lavoratori.

Il 26 febbraio pomeriggio si terrà un incontro tra Cgil Cisl Uil Emilia Romagna e l’assessore regionale al Lavoro per valutare l’esito del confronto nazionale con il governo; approfondire gli interventi a tutela dei lavoratori direttamente interessati dall’ordinanza della regione e senza copertura di ammortizzatori sociali; eventuali misure da noi richieste di carattere regionale per quanto attiene il sostegno al reddito di lavoratrici e lavoratori eventualmente scoperti