Giornata nera per quanto riguarda i mercati internazionali. In particolare, uno dei segni più rossi
lo segna Piazza Affari, affossata dal Corona Virus a -6%. In particolare, si sono registrate notevoli perdite su società con attività di vendita al dettaglio: Autogrill, OVS e UniEuro.
Negative anche le altre borse europee, tutte con perdite superiori al 4%, in particolare quelle con più diffusione del Covid-19.
In Europa più colpite i titoli di società legate al settore dei trasporti ed alberghiero, come ristoranti ed alberghi. Nei trasporti precari i titoli di ferrovie, trasporto su gomma e in particolare quello aereo.
Le società più penalizzate al momento sono Ai France-Klm, Lufthansa, Easy Jet, RyanAir e Carnival.
Oltre oceano, Wall strett preoccupa, rasentando il 4%.
Tuttavia, come da previsione, il prezzo dell’oro è in netto rialzo. Ha superato anche il picco dell’8 gennaio scorso, quando il bene arrivò fino a 1.577.00 $ l’oncia.
L’oro è sostenuto da una forte preoccupazione sulla diffusione del virus, in particolar modo in Asia, unitamente alla previsione di un forte rallentamento della produzione.
Per quanto riguarda la borsa italiana, a Piazza Affari negativa Fiera Milano, che tra l’altro ha rinviato l’esposizione del settore degli occhiali.
Inoltre anche il titolo relativo alla Fiera di Rimini e Vicenza è fortemente in passivo.
Cali drastici anche nel settore del lusso, con paralisi delle produzioni per via dell calo di domanda.
Preoccupazione nel settore della moda per via delle previsioni che riguarderebbero gli acquirenti cinesi. Questi ultimi rappresentano una fetta importante tra i buyer del settore lusso e moda italiani.
Stando ai dati di Jefferies, nel 2019 sono stati spesi 281 miliardi di euro in questo settore, ed il 40% speso dai soli clienti cinesi.

(Aris Alpi)