Milano. Vestita con un tailleur – pantalone bianco che quasi nulla lasciava trasparire delle sue curve da modella, Filomena Damato è entrata venerdì 28 febbraio con il suo sorriso, la sua simpatia e la sua ironia negli studi di Mediaset per partecipare alla trasmissione “Avanti Un Altro” condotta da Paolo Bonolis e Luca Laurenti per cercare marito in diretta nazionale.
Naturalmente è stato in tutto e per tutto un “gioco” che alla giovane imolese ha riservato emozioni e sensazioni positive.

“Non appena ho messo piede negli studi di Mediaset mi è sembrato tutto surreale, come se fossi stata catapultata lì attraverso la televisione di casa – spiega la Damato – perché quello studio era così familiare ma allo stesso tempo una novità. Dietro le quinte, non appena Laurenti e Bonolis mi hanno vista mi hanno chiesto subito quanto fossi alta perché effettivamente ero là ragazza più alta in tutto lo studio”.

Filomena ha giocato subito la carta della simpatia con i due presentatori: “Sono imolese nonostante non sembri dal nome, studio Infermieristica (peccato che non sia ammalato, ha scherzato subito Laurenti, ndr) e sono una cantante” improvvisando una canzone americana e mettendo in mostra le sue notevoli qualità canore già conosciute a Sanremo poche settimane fa al PalaFiori e in altre occasioni.

“E’ sposata?” le ha chiesto a bruciapelo Bonolis e lei: “Ho già 28 anni passati e sono ancora zitella. Forse sarà perché sono troppo alta”.

Poi è iniziato il gioco a premi con domande e risposte.

Alla fine l’esperienza si è rivelata positiva: “Mi hanno contattata oltre un migliaio di persone tra Facebook e Instagram, impallandomi letteralmente il cellulare. Non so se riuscirò a rispondere a tutti – sorride la giovane imolese -. Sono rimasta molto sorpresa perché non mi aspettavo di piacere così tanto al pubblico essendo semplicemente me stessa. Volevo che la gente si ricordasse di me per la mia solarità e la mia voce. Ho ricevuto tanti complimenti anche sulla mia scelta di abbigliamento perché ho deciso di non mostrare le mie curve proprio per dare risalto ad altri aspetti della mia personalità”.

(m.m.)