Imola. “Sacmi non si ferma, pertanto tutto il personale continuerà a lavorare, in smartworking o nelle sedi aziendali. Restano sempre ammesse le trasferte nei cantieri, ovunque situati, sempre nel rispetto delle disposizioni normative e sanitarie”. E’ una parte della lettera aperta mandata dal presidente del CdA della coop di via Selice Paolo Mongardi. Ecco le parti più importanti.

“Nelle ultime ore il Governo italiano ha esteso all’intero territorio nazionale alcune importanti misure di contenimento per limitare la diffusione del contagio da Coronavirus – ricorda il presidente di Sacmi -.In questo scenario, resta nostra ferma determinazione dare continuità alle nostre attività produttive. Continuità, fiducia, responsabilità, crediamo siano le parole chiave per gestire, insieme, questo difficile momento. Da sempre, il principio di partnership contraddistingue l’approccio Sacmi al mercato. Come azienda internazionale, abbiamo già attuato quanto necessario, sin dalle prime fasi dell’emergenza, per limitare al massimo le occasioni di contagio e, quindi, l’impatto sul sistema sanitario e sui soggetti più deboli delle nostre comunità. Dare continuità all’attività produttiva è, oggi, condizione indispensabile per consentire alle nostre aziende di disporre delle necessarie risorse per rialzarsi dopo l’emergenza. Un futuro che costruiremo insieme ai nostri clienti, in coerenza con la nostra storia e capacità di superare con successo fasi altrettanto complesse della vita economica e sociale dell’Italia”.