Imola. Il Comune ricorda che anche le aree ortive, cioè gli orti anziani, devono rimanere chiusi considerato che, al momento, l’evolversi dell’emergenza sanitaria legata al diffondersi del contagio da Coronavirus indica chiaramente la necessità di adottare misure particolarmente severe a tutela della salute pubblica. Nei giorni scorsi, diverse persone soprattutto anziani, avevano cercato un momento di svago all’aperto coltivando gli orti che sono una caratteristica e un vanto della città da lungo tempo.

A tutti gli effetti, le aree ortive comunali, gestite dall’Associazione Orti Anziani, compresa l’area situata in Imola – Via Orti Bel Poggio sono considerate, dal Comune, assimilabili ai Centri sociali.

Pertanto, L’Amministrazione comunale ha scritto all’Associazione Orti Anziani facendo presente che “le suddette aree ortive devono restare chiuse fino al 3 aprile”.

“Allo scopo di evitare l’ulteriore diffondersi del Coronavirus sul territorio comunale e nello spirito di massima collaborazione nonché di senso civico che contraddistingue la comunità imolese – prosegue la lettera del Comune – si fa appello al senso di responsabilità di ciascuno nell’attenersi scrupolosamente alle suddette disposizioni”.

Il Comune fa infine presente che per garantire il pieno rispetto delle suddette disposizioni le Forze dell’Ordine ed alla Polizia Locale provvederanno ad assicurare l’attività di vigilanza per il rispetto delle norme in riferimento.