Borgo Tossignano. E’ stato arrestato per tentato omicidio e portato in carcere a disposizione dei giudici un uomo italiano, B.R. di 47 anni, che aveva inferto diverse coltellate all’ex compagna nei pressi del supermecato Dpiù il 16 marzo verso le 13.

La donna ha cercato di difendersi e ha urlato attirando l’attenzione di alcune commesse del supermercato che sono uscite per aiutarla e hanno chiamato i carabinieri di Fontanelice. Alla vista dei militari l’uomo che aveva cercato di nascondersi in un residence vicino, non ha opposto resistenza.

Durante le indagini avviate dai Carabinieri, è emerso che domenica pomeriggio, il 47enne aveva mandato un messaggio alla sua ex compagna, dicendole che la voleva incontrare nei pressi di una panchina del centro commerciale “Verbena” per restituirle dei soldi. La donna, nonostante il timore di un tranello, dovuto a un altro messaggio intimidatorio che aveva ricevuto la settimana scorsa e in cui l’ex compagno le aveva scritto che la voleva uccidere, decideva di incontrarlo, fidandosi dell’appuntamento, fissato in un luogo pubblico.

Purtroppo, la 50enne si sbagliava. Dopo averla affrontata dicendole: “Siediti, siediti…che sei venuta a prendere solo i soldi e te ne vai?”, il 47enne ha estratto un coltello da cucina e l’ha accoltellata. Fortunatamente, la traiettoria della coltellata, diretta agli organi vitali, è stata intercettata dalla donna che si è parata con la mano sinistra ed è caduta a terra, ferita. La lama si è conficcata tra i tendini della mano e si è separata dal manico del coltello.

Determinato a portare a termine l’omicidio, l’uomo ha recuperato la lama, si è seduto sul petto della donna ed ha ripreso ad accoltellarla al volto. Le urla della 50enne che ha fatto di tutto per difendersi e salvarsi la vita, hanno attirato l’attenzione dei clienti e di una commessa che ha chiamato il 112. A quel punto l’uomo è fuggito ed è stato arrestato dai carabinieri. Il coltello è stato sequestrato. La donna ha ricevuto una prognosi inziale di 30 giorni.