Imola. Anche il 18 marzo è proseguita l’attività quotidiana di controllo, in città, da parte della Polizia Locale per far rispettare le disposizioni in materia di contrasto alla diffusione del Coronavirus. Sono state 18 le persone controllate dalla Polizia Locale, di cui una denunciata (ai sensi dell’art. 650 del Codice penale). La persona in questione è stata fermata all’ingresso di Imola: proveniva da Castel Bolognese per andare a trovare la propria fidanzata a Imola. Inoltre, sono stati controllati 41 esercizi commerciali, senza rilevare alcuna violazione alle norme in vigore.

Il Comune telefona ai cittadini di restare a casa – Il Comune rinnova con forza l’appello a tutti i cittadini a non uscire di casa. Tanto più alla luce dell’ordinanza di ieri del Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, che dà una nuova stretta agli spostamenti, in quanto, fra le altre disposizioni, vieta l’acceso ai parchi ed ai giardini pubblici, restringe le passeggiate solo in prossimità della propria abitazione e l’uso della bici unicamente per lavoro e necessità reali.

A questo proposito, il Comune da un lato intensificherà i controlli anche su questo aspetto e dall’altro al fine di dare la massima diffusione a queste nuove disposizioni, oltre che rimarcare l’obbligo di non uscire di casa se non per i casi di necessità, il 19 marzo ha contattato telefonicamente (sia fisso che mobile) tutti gli oltre 30.000 iscritti alla piattaforma Alert System del Comune. Questo il testo della telefonata: “Salve, è il Comune di Imola. Rispettiamo tutti l’obbligo di rimanere a casa. Fino al 3 aprile sono chiusi parchi e giardini pubblici e vi sono limiti per le passeggiate e l’uso della bicicletta. Tutte le notizie su www.regione.emilia-romagna.it Campagna IoRestoaCasa. Grazie per l’ascolto”.

Ricordiamo che ci si può iscrivere gratuitamente alla piattaforma di allertamento accedendo direttamente dal sito del Comune di Imola www.comune.imola.bo.it lasciando un numero di telefono fisso o di cellulare.

L’emergenza Coronavirus è pienamente in corso e questo è il periodo decisivo per contrastarne la diffusione. Proprio per questo, ciascuno di noi deve fare la propria parte, assumendo comportamenti responsabili, rispettando pienamente le norme previste dal decreto #IoRestoaCasa – www.governo.it