Dai nostri balconi c’è ansia da prestazione e un poco di protagonismo per scongiurare la paura che è la nostra reazione istintiva ad un qualcosa che ancora non conosciamo, ma che giorno dopo giorno ci distanzia dai nostri cari fino a cancellare i loro volti. Noi siamo se Io sono! Dobbiamo comprendere che in questa tragica situazione c’è la mano dell’uomo. Verrebbe da dire, uomo fermati! E ci siamo fermati in Io resto a casa! Ma non ancora tutti… Troppa gente circola ancora per le nostre strade… Ma si è capito o no che il Signor Corona infliggerà più danni nella nostra psiche che non nei nostri corpi bulimici di troppo ego? Fermiamoci dunque a riflettere, ma con lo sguardo avanti… se non per noi, per i nostri figli.

(Sante Boldrini)