Imola. Isterismi ai tempi del Coronavirus. Per un banale tamponamento a velocità ridotta nei pressi del teatro Stignani in pieno centro, il 2 aprile una donna invece di accettare la normale constatazione amichevole, ha addirittura estratto un coltello agitandolo in preda a un forte nervosismo.

L’altro automobilista ha subito avvertito il 112, così  sul posto in breve tempo sono intervenuti i carabinieri di Dozza per disarmare la donna, effettivamente armata di un coltello e chiarire la situazione che era scaturita da un banalissimo tamponamento stradale avvenuto a una velocità a passo d’uomo. Nonostante tutto, la donna, identificata in una trentanovenne imolese, era talmente arrabbiata che invece di compilare la constatazione amichevole e tornare a casa, ha tentato di mordere uno dei due militari dell’Arma. A quel punto, oltre alla denuncia per porto di armi od oggetti atti ad offendere, è scattata anche la resistenza a un pubblico ufficiale.