Partirà dall’11 aprile mattina che il Comune di Imola comincerà a distribuire le circa 31mila mascherine chirurgiche che la Regione Emilia ha destinato alla città.

Vista la quantità ricevuta, sarà distribuita una mascherina per famiglia (tenendo in considerazione anche quanto previsto dalle indicazioni fornite dalla Regione per la loro gestione e distribuzione). La distribuzione, che è coordinata dal Servizio di Protezione civile del Comune, avverrà porta a porta, grazie alla disponibilità di vari gruppi di volontari, che metteranno ogni singola mascherina, posta all’interno di una busta di plastica chiusa, dentro la buchetta postale di ciascuna famiglia imolese.

La distribuzione comincerà sabato 11 e proseguirà nei giorni successivi alle festività pasquali in tutte le altre zone della città, con l’obiettivo di riuscire a consegnarle a tutte le famiglie nell’arco della prossima settimana fino al 18 aprile. Insieme alla busta contenente la mascherina, sarà inserita in buchetta anche una lettera informativa sulle modalità del suo utilizzo e smaltimento (nei rifiuti indifferenziati).

Intanto, dal 9 aprile nel pomeriggio sono al lavoro gli operatori del Servizio di Protezione civile del Comune e volontari per inserire ogni singola mascherina all’interno della busta di plastica (le mascherine sono state consegnate in pacchi da 50 pezzi), seguendo le indicazioni, messe a punto dalla Regione, per chi prepara e distribuisce le mascherine.

Lo scopo è quello di incentivare il progressivo incremento dell’uso dei dispositivi idi protezione individuale, a cominciare dalle mascherine, in particolare in luoghi chiusi quali servizi essenziali e luoghi di vendita alimentari.

venerdì 10 aprile e si concluderà entro sabato 11 la distribuzione alla popolazione del primo lotto di 10mila mascherine di tipo chirurgico inviate dalla Regione Emilia-Romagna. L’operazione  è organizzata ed eseguita dal Centro Operativo Comunale (Coc) di Castel San Pietro Terme, basandosi sulle linee guida regionali.

Anche a Castel San Pietro, nella giornata di giovedì 9 aprile, i volontari coordinati dal Coc hanno confezionato le 5mila buste contenenti 2 mascherine ciascuna che venerdì 10 e sabato 11 saranno consegnate ai nuclei familiari attualmente sprovvisti. Due squadre itineranti composte da volontari delle associazioni Carabinieri (ANC) e Alpini (ANA) in divisa effettueranno la distribuzione recandosi nei punti di consegna previsti sul territorio comunale (in tutto 35) e negli orari indicati, secondo un preciso piano definito dal Coc. Luoghi e orari saranno comunicati ai cittadini dal sindaco Fausto Tinti attraverso il servizio telefonico Alert System e pubblicati nel sito web www.cspietro.it e nella pagina Facebook del Comune.

In ogni punto di distribuzione si potranno recare solo i cittadini residenti nelle vie indicate nel piano. Si formerà una fila con distanza superiore a 1,5 metri tra le persone. Sarà ammessa una sola persona per ogni nucleo familiare cui sarà consegnata una busta contenente due mascherine.

Questa modalità è stata scelta al fine di rispettare contemporaneamente alcuni principi: fornire una dotazione funzionale ed efficace a tutta la popolazione; evitare movimenti nella città e nel territorio soprattutto delle categorie più fragili; evitare assembramenti soprattutto se disordinati e non in sicurezza, e tenendo conto della disponibilità limitata della dotazione.