Ravenna. Un fatto inaudito quello avvenuto lunedì 6 aprile. Un giovane di 23 anni, volontario dell’Auser locale, stava consegnando alcuni farmaci a casa di un anziano. Improvvisamente, è sbucato fuori un gruppetto formato da quattro persone, tutti di età compresa tra i 14 e 17 anni, i quali hanno aggredito il giovane. Il ragazzo è stato attirato con uno stratagemma poi, in un baleno è stato scaraventato a terra. Una volta immobilizzato, gli sono stati inferti calci e pugni. Infine, come se non bastasse, gli sarebbe stato lanciato addosso un tronco, che ha contribuito a procurare al giovane una prognosi di 25 giorni.


La baby gang, dopo l’aggressione, ha derubato il ragazzo del suo zaino. Poco dopo, un uomo che portava a spasso il cane che passava di lì, ha costretto alla fuga i tre giovani malviventi.


L’episodio si è svolto nei pressi del parco Teodorico, e si è verificato nonostante la rigida quarantena che prosegue da inizio marzo. Poco dopo infatti, tre dei quattro adolescenti sono stati individuati dai Carabinieri e trasferiti al carcere minorile di Bologna, in attesa di comparire davanti al Gip.

(a.a)