Imola. E’ in svolgimento la consegna, coordinata dal Servizio di Protezione civile del Comune, delle circa 31mila mascherine chirurgiche che la Regione Emilia ha destinato alla città. Posta all’interno di una busta di plastica chiusa, viene distribuita una mascherina per famiglia, inserita dentro la buchetta postale, insieme ad un foglio con le indicazioni sul suo utilizzo, redatte da Regione Emilia Romagna, Anci e Upi regionali.

Dopo l’avvio, sabato 11 aprile, della distribuzione, a ieri sera erano state consegnate circa 13.500 mascherine, nelle buchette postali di altrettante famiglie del centro storico, di parte della zona industriale, a Sasso Morelli e Casola Canina, nelle vie Milana e Volta, in parte della Pedagna ovest, della Pedagna est e nella zona autodromo.

Mentre da oggi sono in distribuzione le restanti circa 18.500 mascherine: le famiglie imolesi sono infatti 32mila e per coprire l’intero fabbisogno, il Comune ha acquistato circa un migliaio di mascherine chirurgiche, uguali a quelle ricevute dalla regione, garantendo quindi una mascherina a famiglia.

Completato il lavoro di “imbustamento” delle mascherine – Il 15 aprile mattina è stato completato il lavoro di inserimento di una mascherina in ogni busta di plastica, abbinata al foglio illustrativo, da parte degli operatori del Servizio di Protezione civile del Comune, con il supporto di dipendenti comunali di altri servizi, oltre che dell’Associazione CB Imolese e della Croce Rossa Italiana – Comitato di Imola. In tre giorni di lavoro, sono stati coinvolte quotidianamente circa una trentina di persone. Pertanto da oggi le associazioni di volontariato impegnate nella distribuzione hanno dato avvio alla fase di completamento della consegna.

Da oggi in avanti verranno distribuite le restanti 18.500 mascherine – Dal 15 aprile in avanti il programma prevede la consegna complessivamente di circa 18.500 mascherine nel resto del territorio comunale. Questa l’articolazione delle zone e delle associazioni che hanno l’incarico della distribuzione: zona nord della città, compreso il forese fino a Spazzate Sassatelli ad opera dell’Associazione CB Imolese; zona Villaggio e via Turati da parte di Auser; completamento centro storico, quartiere Campanella e zona viale Dante / via Macchiavelli da parte di Agesci Scout Zona di Imola; quartiere Marconi e zona Ortignola, da parte di Avod; completamento Pedagna ovest, Zolino e zona Cappuccini/Arcella da parte di Anteas; parte restante della Pedagna est, zona collinare, Ponticelli e zona Tre Monti – Selva – Zello da parte delle Gam; Area Programma ‘A’ e zona Montecatone da parte del Cai.

In totale, ogni giorno dal 15 aprile in avanti nella distribuzione sono impegnati quotidianamente oltre 80 volontari.

Con questo spiegamento di forze in campo, si ritiene plausibile raggiungere l’obiettivo di riuscire a completare la consegna delle mascherine a tutte le circa 32mila famiglie imolesi entro la fine di questa settimana.

A tutte le persone impegnate nell’imbustare e nel consegnare le mascherine va un grandissimo ringraziamento da parte del Comune di Imola, per il prezioso e insostituibile lavoro svolto, sempre con grande disponibilità e sensibilità.

Ricordiamo che i cittadini che sono già provvisti di mascherine volendo possono rinunciare a riceverla. Basterà che segnalino tale indicazione nella buchetta. Il Servizio di Protezione civile del Comune conserverà la mascherine non consegnate, per metterle a disposizione dei cittadini mano a mano che al Comune verranno segnalate particolari esigenze.