Imola. Nel Circondario salgono a 366 i casi refertati come positivi dall’avvio della pandemia su un totale di 3952 tamponi: 209 maschi, 157 femmine; 23 con 85 e più anni, 70 tra i 75 e gli 84 anni, 78 tra 65 e i 74 anni, 190 tra i 14 e i 64 anni (e più precisamente 53 nella classe d’età 14-39 e 137 tra i 40 e i 64) e 5 al di sotto dei 14 anni.

Di questi, i casi a tutt’oggi positivi rimangono 133 (44 a Medicina, 50 a Imola, 13 a Castel San Pietro, 5 a Castelguelfo, 3 a Dozza, 2 a Mordano, 2 a Borgo Tossignano, 1 a Casalfiumanese e 13 fuori dal Circondario), 196 sono invece i guariti con doppio tampone (100 a Medicina, 65 a Imola, 17 a Castel San Pietro, 4 a Mordano 3 a Dozza, 2 a Borgo Tossignano, 2 a Casalfiumanese, 2 a Castel Guelfo, 1 fuori dal Circondario) e 37 i decessi (27 a Medicina, 5 a Imola, 3 a Castel San Pietro Terme, 1 a Dozza, 1 residente fuori dal Circondario).

Dalle 8 di ieri alle 8 di stamattina sono stati 69 gli accessi in Pronto Soccorso. 10 i ricoveri di cui 3 con tampone in corso. In Ospedale i ricoverati per Covid sono 8 in Medicina-Covid, 2 in Terapia Intensiva, 1 in ECU e 6 al reparto post acuti di Castel S. Pietro. 10 le persone ospitate all’Euro Hotel.

Le attività delle Usca sul territorio è costante e dal 26 marzo scorso ha visto in totale 490 visite, 285 terapie, 387 tamponi, 39 ECG. 295 le visite di controllo delle persone messe in terapia all’Ambulatorio Infettivologico ospedaliero. Sono inoltre stati 42 gli accessi delle Uscra (medico di continuità, geriatra ed infermieri territoriali) alle residenze anziani presenti sul territorio (CRA, Residenze convenzionate, case famiglia) per tenere sotto controllo la situazione degli anziani ospiti. Ad oggi nessun caso di positività nelle strutture del territorio.

Nuove misure organizzative
In considerazione della progressiva riduzione dei ricoveri di pazienti Covid 19 e della contestuale graduale riattivazione delle attività chirurgiche programmate, a partire da quelle oncologiche e in classe A, rendono ora necessaria la rimodulazione delle aree di degenza. Da domani, quindi, i posti letto chirurgici passano da 28 a 44 con un incremento di 16 e quelli medici internistici non covid passano a 91, mentre in area Covid reatano 15 posti letto e nell’area dedicata ai pazienti in attesa di esito del tampone sono a disposizione 18 stanze.

Novità sul territorio per quanto riguarda il Consultorio Famigliare che dal 4 maggio attiva la distribuzione della contraccezione per giovani adulti fino ai 26 anni, oltre che attivare lo Spazio Giovani per i ragazzi tra i 14 e i 19 anni per colloqui psicologici, visite ginecologiche e contraccezione.

Per tutte queste prestazioni è necessario prendere un appuntamento.
– Per prenotare un consulenza psicologica telefonare il mercoledì pomeriggio, dalle 14 alle 17 al n. 0542 604194.
– Per prenotare una visita ginecologica o un appuntamento per la consegna gratuita dei contraccettivi, telefonare il lunedì ed il mercoledì dalle 14 alle 16 al n. 0542.604190.

Per quanto riguarda le prestazioni ambulatoriali, come definito dalla recente delibera di Giunta Regionale, l’Azienda sta pianificando una graduale riattivazione nelle prossime settimane, a partire dagli screening oncologici.