Imola. Il flautista Massimo Mercelli è stato invitato a suonare al Concerto del Primo Maggio cinese insieme alla prestigiosa Beijing Symphony Orchestra. Il concerto, registrato nei giorni scorsi, sarà trasmesso sulla tv nazionale cinese, in prima serata il 1° maggio alle 20. Unico italiano invitato ad unirsi all’esibizione de “La perla orchestrale della capitale della Cina”, Massimo Mercelli ha suonato, come tutti i componenti dell’orchestra, dalla propria abitazione, in sincronizzazione con tutti gli altri. Tra i brani suonati, il quartetto K 285 in re maggiore di Mozart.

Non è nuova la collaborazione tra Massimo Mercelli e la Cina, ma rientra nella asse della fruttuosa cooperazione internazionale avviata qualche anno fa tra l’Emilia Romagna Festival, di cui il maestro imolese è il direttore artistico, e il paese asiatico.

Un legame che quest’anno si rafforza in occasione del 50esimo anniversario delle relazioni diplomatiche bilaterali tra Repubblica Popolare Cinese e Italia, che sarà celebrata dai due Paesi con una serie di iniziative. L’anniversario viene soprannominato “Road to Fifty” (la Via verso i Cinquanta) in riferimento alla Via della Seta che fin dall’antichità era la principale rete di unione tra l’Oriente e l’Europa, e che aveva tradizionalmente come punto d’inizio Xi’an, l’antica capitale cinese, e come luogo d’arrivo Venezia, attraversando i luoghi meravigliosi descritti nel “Milione” da Marco Polo.