Imola. Stroncata l’attività di spaccio di un uomo, di origini faentine, ma residente ad Imola, che nei giorni scorsi è stato fermato dagli agenti della Polizia Locale.

Dopo varie segnalazioni giunte al Comando di via Pirandello, da parte delle Guardie Ambientali Metropolitane (GAM), oggi particolarmente impegnate nel controllo dei parchi per l’emergenza Coronavirus, e di cittadini il nucleo di Polizia Giudiziaria della Polizia Locale ha tenuto monitorate diverse zone della città, con vari appostamenti anche serali, al fine di fermare la persona sospetta.

Ricostruito il suo esatto profilo ed il suo “modus operandi”, gli agenti della Polizia Locale sono entrati in azione e qualche giorno fa sono riusciti a bloccare il sospetto, mentre transitava a bordo della sua auto, nella prima periferia della città.

Si tratta di un ventinovenne, A.M., che è stato trovato in possesso di 16 dosi di un mix di sostanze stupefacenti, già confezionate e pronte per la vendita, insieme a 260 euro in banconote di piccolo taglio, cifra che gli inquirenti presumono sia provento dall’attività di spaccio.

Come previsto dalla normativa, gli agenti di PL hanno effettuato anche una immediata perquisizione domiciliare, che non ha dato esito ad altri ritrovamenti. Al termine delle operazioni, A.M. incensurato fino ad oggi, è stato deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria per detenzione e traffico di sostanze stupefacenti. Lo stupefacente, il materiale da confezionamento ed il denaro frutto dell’attività di spaccio sono stati sequestrati mentre l’autovettura è stata sottoposta a sequestro ai fini della confisca, in quanto utilizzata per commettere un reato.