Imola. Liti e sfuriate che scoppiano in tempi di Coronavirus fra chi vuole giustamente fare rispettare tutte le precauzioni e chi invece, in qualche caso, addirittura rifiuta di mettersi la mascherina.

I carabinieri il 6 maggio sono dovuti intervenire in due supermercati. Nel primo caso all’interno del Centro “Leonardo”, dove un 38enne aveva iniziato una lite accesa col personale del Centro e con alcuni clienti perché rifiutava di indossare la mascherina per accedere all’interno del complesso. Alla vista dei militari, l’uomo ha rivolto la sua rabbia verso i carabinieri, apostrofandoli con frasi ingiuriose, comportamento che gli è costato una denuncia per resistenza e oltraggio, oltre alla contravvenzione per violazione delle norme anticontagio.

Scena simile all’interno di un altro supermercato, dove una pensionata di 76 anni, essendosi rifiutata di indossare la mascherina ed i guanti, ha costretto i dipendenti a chiamare il “112”. Anche in questo caso, invece di ridursi a più miti consigli, l’anziana ha insultato i carabinieri, con conseguente denuncia anche per lei e contravvenzione.