Bologna. L’Emilia-Romagna fa il pieno nell’edizione 2020 dei David di Donatello, 65ª edizione dell’Oscar del cinema italiano. Sei statuette di pregio al film “Il traditore” del maestro piacentino Marco Bellocchio: miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale, miglior montaggio e migliori attori protagonista, Pierfrancesco Favino e non protagonista, Luigi Lo Cascio, e David Giovani a “Mio fratello rincorre i dinosauri”, opera prima di Stefano Cipani, sostenuta dal Fondo regionale per l’audiovisivo e girato nel bolognese e nel ferrarese.

Mio fratello rincorre i dinosauri

“L’Emilia-Romagna, terra di cinema, vede confermata una tradizione che annovera grandi maestri entrati nella storia del cinema d’autore, ma anche tanti giovani artisti che emergono e nuovi produttori che si affiancano a produttori riconosciuti. Riconoscimenti – sottolineano soddisfatti il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori – che rappresentano un motivo di grande orgoglio per tutta la comunità regionale. Continueremo a investire in cultura e nel cinema, dopo aver raddoppiato i fondi regionali nella scorsa legislatura, e lo vogliamo fare soprattutto adesso che il comparto deve ripartire dopo la durissima crisi legata al coronavirus”.

“Un saluto particolare al lavoro di Marco Bellocchio – sottolinea Bonaccini – premiato per un film rigoroso e spettacolare su un processo che è parte della storia civile del nostro Paese, e che rimane sempre legato alla nostra regione e alla sua Bobbio, dove ci siamo incontrati l’estate scorsa”.

“Questi premi sono un risultato piacevole e sfidante – aggiunge Felicori – e rilancia il nostri impegno per il cinema, fatto di autori, produttori e tanti lavoratori al centro della nostra attenzione, e alla nostra Film Commission regionale abbiamo dato questo compito importante di sostenere e a promuovere la filiera produttiva. Attraverso il cinema passa anche la promozione di un intero territorio, dei suoi valori e della cultura delle nostre comunità”.

“Il traditore” (biopic sulla vita di Tommaso Buscetta) di Bellocchio, anche impegnato come presidente della Fondazione Cineteca di Bologna, è coprodotto dal bolognese Beppe Caschetto e dal piacentino Simone Gattoni, mentre “Mio fratello insegue i dinosauri”, dell’esordiente Stefano Cipani, scritto da Giacomo Mazzariol e dallo sceneggiatore bolognese Fabio Bonifacci (interamente girato in Emilia-Romagna, a Pieve di Cento, Cento, Bologna e Anzola Emilia) è stato anche recentemente premiato come miglior film all’Efa Young Audience Award.

Inoltre, dopo l’acclamata prima alle Giornate degli Autori al Festival di Venezia lo scorso anno, prima dell’emergenza sanitaria Covid-19 ha conquistato il pubblico delle sale (distribuito da Eagle Pictures) diventando un vero e proprio caso cinematografico, grazie anche a un cast prestigioso, con, tra gli altri, Isabella Ragonese, Alessandro Gassmann e la musa di Almodóvar, Rossy De Palma. Il film è poi diventato recentemente argomento di una tesi di laurea all’Università di Bologna.