Imola. Fino al 12 giugno saranno raccolte le domande per usufruire del contributo integrativo per sostenere il pagamento dei canoni di locazione (contributo affitto) relativi all’anno 2019, per i residenti in uno dei Comuni del Circondario: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio, Castel Guelfo di Bologna, Castel San Pietro Terme, Dozza, Fontanelice, Imola, Medicina e Mordano

Il bando è sovracomunale ed è stato formulato da Asp in ottemperanza ai criteri stabiliti dalla Regione Emilia Romagna con delibera n. 1815/2019 e dalla Giunta del Circondario con deliberazione n. 12/2020, previo confronto con le organizzazioni sindacali.

Il fondo complessivamente a disposizione ammonta a 475.354,85 euro finanziato totalmente da risorse regionali di cui 360.191,79 euro per economie derivanti dal Fondo inquilini morosi (così suddivise: Imola 330mila euro Castel San Pietro 2.743,69 euro e Medicina 27.448,10 euro) L’entità del contributo sarà pari a due mensilità del canone effettivamente corrisposto nell’anno 2019 al netto delle spese condominiali ed accessorie per un massimo di 1.400 euro a domanda. Potranno presentare domanda i nuclei familiari residenti in uno dei Comuni del Circondario titolari di un contratto di locazione per l’abitazione principale nel 2019 e ancora in corso di validità, un indicatore della situazione economica equivalente (Isee) valido compreso tra 3000 euro (valore minimo) e 17.154 euro (valore massimo) e non siano già beneficiari del reddito di cittadinanza

Per i residenti nei Comuni di Casalfiumanese, Castel Guelfo di Bologna, Castel San Pietro Terme, Dozza e Medicina nel medesimo periodo sarà possibile presentare le domande anche se in possesso di un Isee inferiore a 3000 euro in quanto queste Amministrazione hanno istituito un Fondo per l’affitto comunale teso a dare risposte ai nuclei esclusi dal Fondo regionale. Per l’accesso ai fondi comunali sono, infatti, previsti gli stessi requisiti del bando sovracomunale, ad eccezione della fascia Isee. In caso di morosità il contributo sarà assegnato al proprietario dell’immobile a sanatoria della situazione debitoria dell’affittuario.

Stante la situazione di emergenza sanitaria in atto é privilegiata la modalità di invio della domanda tramite posta elettronica, e solo in via residuale la presentazione diretta agli uffici preposti previo appuntamento. Copia dei bandi e dei relativi moduli di domanda sono reperibili dagli interessati sul sito dell’Asp Circondario e dei Comuni sopra elencati