L’Acido ialuronico è una delle sostanze più utilizzate nell’industria della cosmesi per le ottime capacità idratanti che tendono a ringiovanire la pelle o, quanto meno, a rallentare i naturali effetti dell’invecchiamento.
Contrariamente a ciò che comunemente si pensa, l’acido ialuronico è anche un composto chimico lavorato in laboratorio, ma sopratutto uno dei componenti fondamentali dei tessuti connettivi di uomini e, più in generale, di tutti i mammiferi.

A cosa serve l’Acido ialuronico?
La funzione naturale dell’acido ialuronico contenuto nel nostro corpo è quella di idratarne i tessuti, di mantenere il nostro derma e le nostre cartilagini ben lubrificate per evitare che si verifichino lesioni durante i nostri movimenti. Questa sostanza si trova quindi nei tessuti connettivi e scheletrici, ma anche nella pelle, nei follicoli, negli occhi, nelle labbra e nei tessuti molli (nervi, muscoli, grasso, vasi, tendini…). Insomma, l’acido ialuronico aiuta il nostro corpo nelle sue funzioni vitali ma con il passare del tempo la sua azione benefica va riducendosi rendendo necessario, o quanto meno consigliabile, l’utilizzo di integratori esterni. Ed è qui che entra in gioco la sostanza elaborata dalle case farmaceutiche e dall’industria cosmetica.

Come si può assumere l’Acido ialuronico?
Innanzitutto, va specificato che, a livello molecolare, l’acido ialuronico può essere basso o alto. Per definire questa differenza diciamo che la composizione molecolare dell’acido ialuronico basso è più aleatoria, i legami chimici sono più frammentati e quindi penetrano più in profondità nei tessuti con un’azione rimpolpante più importante, ma anche più aggressiva.

Possiamo assumere l’acido ialuronico attraverso delle creme che lo includano come principale principio attivo. Si tratta di prodotti cosmetici che si trovano anche al supermercato, ne esistono di svariate marche e in ogni crema c’è una composizione diversa che abbina la sostanza ad altri agenti. In generale, si tratta di creme che contengono acido ialuronico ad alto peso molecolare, quindi piuttosto leggere e adatte a far parte della beauty routine di ogni adulto (che può assumere la sostanza senza controindicazioni).

Poi ci sono le compresse che hanno un’azione più potente. Si tratta di veri e propri integratori che si acquistano in farmacia, adatti al trattamento della pelle secca e, nei casi più gravi, della cura di patologie come la xerosi cutanea. Nel caso delle compresse si consiglia di ottenere prima un parere medico.

Stesso dicasi per i filler, le punture sottocutanee di acido ialuronico. Qui entriamo nell’ambito della chirurgia estetica, per tanto bisogna fare attenzione a questo genere di trattamenti. La sostanza utilizzata è prevalentemente a basso peso molecolare, quindi tende a penetrare in profondità. Le iniezioni si effettuano soprattutto su contorno occhi, labbra, e in generale sulle rughe espressive. Si tratta di un trattamento dal costo piuttosto elevato.

Possono esserci delle controindicazioni nell’assunzione dell’acido ialuronico?
Per quanto riguarda le creme cosmetiche a base di acido ialuronico esistono delle condizioni per le quali è sconsigliabile l’assunzione della sostanza:
• sindromi emorragiche
• gravidanza (precauzioni)
• allattamento (precauzioni)
• ipersensibilità a uno dei componenti del prodotto
• malattie autoimmuni (Tiroidite autoimmune, sclerosi multipla)
• malattie acute (tumori, malattie cardiache, asma, ecc)

Dal punto di vista delle possibili allergie, è tendenzialmente improbabile che il corpo umano rigetti una sostanza che è già contenuta in esso. Ciò detto, le creme mescolano anche altre sostanze e quindi è sempre meglio fare attenzione alla composizione dei vari prodotti prima di farne utilizzo. Una buona prassi è la scelta di soli prodotti certificati AIAB, ovvero ecocompatibili e conformi al Regolamento CE 1223/2009 sulla produzione dei prodotti cosmetici in UE. La certificazione AIAB non dimostra solamente la provenienza delle materie prime utilizzate dall’agricoltura biologica, ma si traduce anche in una garanzia dell’efficacia delle creme anti age naturali ricche di principi attivi antiossidanti e idratanti, una combinazione importantissima per contrastare gli effetti dovuti all’invecchiamento della pelle.
Per le compresse si rimanda al parere medico, senza il quale è assolutamente sconsigliato passare all’assunzione.

Riguardo ai filler, questi passano obbligatoriamente per un parere medico, ma possono avere delle controindicazioni che vanno da un temporaneo rossore (poche ore) a un leggero edema che non superi la settimana. Il problema sorge quando ci sono errori di preparazione del filler, o di realizzazione della puntura, oppure casi di rigetto da parte della zona interessata. Per questo si consiglia di rivolgersi sempre a studi specializzati evitando trattamenti troppo frequenti nel tempo.