Imola. Parte anche nel territorio del circondario l’indagine nazionale di sieroprevalenza dell’infezione da Sars-CoV-2 avviata da Ministero della Salute e Istat, con la collaborazione della Croce Rossa Italiana, per capire quante persone nel nostro Paese abbiano sviluppato gli anticorpi al nuovo Coronavirus, anche in assenza di sintomi. Il campione nazionale è di 150mila persone residenti in duemila Comuni, distribuite per sesso, attività e sei classi di età.

Sul territorio dell’Ausl di Imola il campione coinvolge 354 cittadini, prevalentemente abitanti ad Imola, Dozza, Castel San Pietro e Medicina. Le persone selezionate saranno contattate al telefono dalla Croce Rossa Italiana, che chiamerà da un numero telefonico che inizia con 06 5510

I cittadini sono quindi invitati a rispondere senza timore se ricevono una chiamata da questo numero. Partecipare non è obbligatorio, ma conoscere la situazione epidemiologica nel nostro Paese serve a ognuno di noi. La CRI fornirà direttamente un appuntamento per il prelievo del sangue presso il Centro Prelievi di Imola o di Castel San Pietro Terme, in una data compresa tra il 5 ed il 10 giugno. Il prelievo potrà essere eseguito anche a domicilio, se il soggetto è fragile o vulnerabile.

Al momento del contatto verrà anche chiesto di rispondere a uno specifico questionario predisposto da Istat, in accordo con il Comitato tecnico scientifico nazionale. In caso di diagnosi positiva, l’interessato verrà messo in isolamento domiciliare e tempestivamente contattato dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl di Imola per eseguire il tampone naso-faringeo che verifichi l’eventuale stato di contagiosità.