Meldola (FC). Firmato a Barcellona un accordo internazionale che inserisce l’Irst (Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori) di Meldola nel consorzio di ospedali e centri di ricerca europei che lavoreranno nel campo delle terapie geniche e cellulari anche per sviluppare strategie, a base di linfociti ingegnerizzati, contro il nuovo Coronavirus. Nella stessa giornata l’assessore regionale alla Sanità, Raffaele Donini, ha fatto visita all’Istituto romagnolo nell’ambito degli incontri con le strutture ospedaliere del territorio che nelle settimane scorse hanno già interessato l’Ospedale di Piacenza, il Policlinico di Modena e l’Arcispedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia.

L’Irst di Meldola (Foto Regione Emilia Romagna)

Una visita per incontrare e ringraziare il personale, confrontarsi con i vertici dell’Istituto per raccogliere richieste e suggerimenti e portare l’orgoglio della Regione per l’attività di ricerca di altissimo livello che costituisce un fiore all’occhiello della sanità dell’Emilia-Romagna.


La visita dell’assessore regionale Donini all’Irst di Meldola

AGGIORNAMENTO DEL 10 GIUGNO
La situazione nel circondario imolese
Nessun nuovo caso ed 1 guarito tra i pazienti refertati ad Imola ma residenti fuori territorio. Resta 399 il totale dei contagi refertati dalla nostra Ausl e tornano a 10 i casi attivi (5 a Medicina, 2 ad Imola, 1 a Dozza, 2 fuori territorio)

La situazione in regione
Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 27.970 casi di positività, 24 in più rispetto a ieri, di cui 21 persone asintomatiche individuate attraverso l’attività di screening regionale. I nuovi tamponi effettuati sono 7.793, che raggiungono così complessivamente quota 375.278, più altri 1.783 test sierologici.

Le nuove guarigioni sono 112, per un totale di 21.717: oltre il 77% sul totale dei contagi dall’inizio dell’epidemia. Continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi, che a oggi sono 2.061 (-95 rispetto a ieri).

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.808 (quasi l’88% di quelle malate): -91 rispetto a ieri. I pazienti in terapia intensiva sono 25 (- 6), quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 228 (2 in più rispetto a ieri).

Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 21.717 (+112): 491 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 21.226 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Purtroppo, si registrano 7 nuovi decessi: tre uomini e quattro donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna i decessi sono arrivati a 4.192. Per quanto riguarda la provincia di residenza, 2 decessi si sono avuti in quella di Piacenza, 1 in quella di Bologna (nessuno nell’Imolese), 3 in quella di Ferrara (decessi avvenuti ieri), 1 in quella di Rimini. Nessun decesso nelle province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Ravenna, Forlì-Cesena e da fuori regione.

Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 4.514 a Piacenza (+7), 3.580 a Parma (+8), 4.966 a Reggio Emilia (+1), 3.928 a Modena (+1), 4.659 a Bologna (+4); 399 a Imola (nessun nuovo caso); 1.002 a Ferrara (+2). I casi di positività in Romagna sono 4.922 (+1), di cui 1.031 a Ravenna (nessun nuovo caso), 945 a Forlì (nessun nuovo caso),781 a Cesena (nessun nuovo caso) e 2.165 a Rimini (+1).