Da sinistra, Rodolfo Ortolani e Raffaele Mazzanti

Imola. Educazione non solo universitaria che resta molto importante ma pure grande collaborazione con le scuole superiori quindi un occhio particolare rivolto ai  giovani, sanità anche per espandere la digitalizzazione e mondo del volontariato da integrare perché le associazioni si trovano davanti a bisogni fondamentali, ad esempio dare da “mangiare” a chi non ce l’ha. Sono i pilastri sui quali vuole impegnare il suo mandato il neopresidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola Rodolfo Ortolani mantenendo i valori fondamentali dell’era Bacchilega (ringraziato insieme con Fabrizio Miccoli e altri), ovvero: “trasparenza, condivisione, responsabilità, prudenza più alcune innovazioni. Negli ultimi quattro anni nei quali ero nel CdA abbiamo messo ordine nei conti dove c’erano alcuni problemi, operato controlli e monitorato i rischi di investimento – ha spiegato Ortolani – tanto che nel 2020, nonostante l’emergenza Coronavirus, le erogazioni si manterranno sui 3 milioni di euro deviando una parte di risorse da iniziative pubbliche, che non si possono tenere, a Croce Rossa, Asp, Ausl e altre realtà”.

La novità più importante è quella di sperimentare i bandi nel comparto erogativo (ovviamente solo una parte), “come da indicazione del Consiglio generale – ha ricordato il presidente -, il CdA passa da 9 a 7 componenti non solamente per ridurre i costi, ma per favorire un’interazione più efficace, ognuno sulla base delle singole competenze sommate in un gruppo per fare squadra e sviluppare progettualità Gestiremo il nostro patrimonio con grande consapevolezza. Non vogliamo solo erogare, ma comprendere e conoscere i bisogni accompagnandoli, incontrare coloro che ci chiedono un aiuto prima e dopo a casa loro”. E qui emerge l’oculatezza e l’attenzione per i conti in ordine di Ortolani, un uomo che ha passato la vita professionale (sposato con una figlia) ad alto livello nel settore bancario e che ora si mette completamente a disposizione della Fondazione di palazzo Sersanti per quattro anni. Al tempo stesso, il presidente se ne sta ben lontano dalla politica asserendo che “la Fondazione ha avuto buoni rapporti con tutti i sindaci e ora li ha con il Commissario straordinario che abbiamo già incontrato. Le imminenti elezioni amministrative per noi sono irrilevanti”.

Su domanda dei giornalisti, il neopresidente rammenta che “esiste un’azione di responsabilità civile nei confronti dell’ex presidente ingegner Sergio Santi anche per comportamenti di un singolo che a nostro avviso hanno danneggiato la Fondazione Carimola la quale ha deciso di tutelarsi”. Santi poi è decaduto da socio “ma non ci sono state spaccature, l’Assemblea generale ha votato a favore dei cambi statutari al 77%”.

Ortolani ora ha voglia soprattutto di pensare al suo mandato e a quello del nuovo CdA: “Mi piacerebbe far conoscere meglio la Fondazione ai giovani in modo che possano apprezzarla e magari avere l’ambizione, un giorno, di diventarne soci. Un’idea? Ancora tutta da discutere nei dettagli con i miei collaboratori, ma mi piacerebbe un insegnamento approfondito dell’educazione civica nelle scuole. Metto solamente qualche ipotesi sul tavolo, migliorare la digitalizzazione nella sanità dove c’è già il Fascicolo sanitario elettronico ma non è ancora abbastanza conosciuto. Ne parlerò, ovviamente, con il direttore generale dell’Ausl, Andrea Rossi. Ed essere sempre vicini alle associazioni di volontariato che rispondono a bisogni primari e sono sensori molto sensibili della realtà”.

Ecco i curriculum e i settori di azione dei componenti del CdA.

Rodolfo Ortolani. Ex Dirigente bancario. Presidente.

Nasce a Imola il 7 agosto 1957. Laureato in Giurisprudenza, dal 1996 al 2000 Vicedirettore Generale alla Cassa di Risparmio di Imola, Direttore Generale di Unicredit Banca, socio della Fondazione dal 2013. Già Consigliere nel precedente Consiglio.

Raffaele Mazzanti. Dirigente Cooperazione, Vice Presidente. Settore immobiliare

Nasce a Casalfiumanese il 21 agosto 1953. Dirigente della cooperazione annovera molteplici incarichi nelle principali Cooperative e realtà immobiliari territoriali. Socio da 15 anni della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Già Consigliere nel precedente Consiglio.

Elisabetta Baldazzi. Libero professionista. Bilancio, fiscalità, Europa, Controllo costi.

Nasce a Castel San Pietro Terme il 14 ottobre 1979. Laureata in Economia e Commercio esercita in libera professione come commercialista. Da 2013 socia della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Già Consigliere nel precedente Consiglio.

Evaristo Campomori. Ex Dirigente scolastico. Scuola primaria e secondaria, Normativa.

Nasce a Imola il 10 ottobre 1943. Laureato in Pedagogia, già dirigente scolastico, Consigliere del Comune di Imola, Direttore responsabile e Presidente del CdA dell’Editrice Il Nuovo Diario Messaggero. Socio da 33 anni, Presidente della Consulta per la Cultura e già revisore della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Ha già ricoperto il ruolo di Consigliere d’Amministrazione nel quadriennio 2016-2020.

Fabio Gardenghi. Libero professionista. Agricoltura e relative discipline universitarie, controlli.

Nasce a Imola il 6 settembre 1969. Diplomato in Agraria. Esercita in libera professione l’attività di perito agrario. Dal 2012 socio della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola. Già Consigliere nel precedente Consiglio.

Marilena Monti. Libero professionista. Associazionismo, volontariato e terzo settore.

Nasce a Fontanelice il 13 gennaio 1947. Laureata in Economia e Commercio esercita in libera professione come commercialista. Da 2013 socia della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.

Ivana Topi. Imprenditrice Risorse umane, nuovi progetti – innovazione – digitalizzazione – giovani.

Nasce a Imola il 26 maggio 1968. Laureata in scienze politiche nel 1993, imprenditrice, ha svolto tutte le sue esperienze professionali all’interno dell’azienda di proprietà della famiglia. E’ socia della fondazione cassa di Risparmio dal 2019.

Da segnalare pure i Revisori dei conti.

Silvia Poli Presidente.

Nasce a Firenze il 24 ottobre 1963. Dottore commercialista. Esercita in libera professione. Dal 13 giugno 2016 riveste la carica di Revisore per la Fondazione Cassa di Risparmio di Imola.

Carla Gatti

Nasce a Bologna l’8 novembre del 1958. Diplomata nel 1977, Commercialista Associata presso lo Studio Godoli Bologna, si occupa di consulenze in ambito finanziario, fiscale, legale, sia a livello nazionale che internazionale.

Filippo Tellarini

Nasce a Imola il 12 maggio 1972. Laureato in Economia e Commercio esercita in libera professione come commercialista presso lo studio Tellarini di Imola

(Massimo Mongardi)