Bologna (aggiornamento 18 giugno). Mentre nel resto della regione la situazione è stabile, la situazione del contagio appare oramai del tutto sotto controllo nel territorio imolese, considerando che nell’ultimo mese sono stati rilevati pochi casi positivi e quasi tutti asintomatici, nonostante l’attività di screening per categorie avviato da qualche settimana. Resta comunque importante mantenere alta l’attenzione soprattutto nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie, per ridurre al minimo il rischio di contagio. In tal senso, come raccomandato dalle linee guida dell’Istituto Superiore di Sanità e dalla stessa Regione Emilia-Romagna, in Pronto Soccorso sussiste il divieto di permanenza nelle sale di attesa per gli accompagnatori dei pazienti, salvo casi specifici valutati dagli operatori. Allo stesso modo, le visite alle persone ricoverate possono essere effettuate da una sola persona al giorno ed esclusivamente nella fascia oraria 12-14. Il check point di primo livello all’Ospedale Civile S. Maria della Scaletta è attivo dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 17, mentre nei prefestivi e festivi i controlli in atrio cessano alle 15. Sussistono check point in ingresso presso ogni servizio e reparto ospedaliero e territoriale.

Un infermiere di una postazione drive through (Foto Regione Emilia Romagna)

La situazione nel circondario imolese
Nessun nuovo caso ed 1 guarigione su persona asintomatica di Castel S. Pietro Terme. Invariati i casi totali, che restano 402, scendono a 7 i casi attivi (3 a Medicina, 2 ad Imola, 1 a Dozza ed 1 fuori territorio), il numero più basso dalla fase 1 dell’epidemia.

La situazione in regione
Dall’inizio dell’epidemia da Coronavirus, in Emilia-Romagna si sono registrati 28.143 casi di positività, 32 in più rispetto a ieri, di cui 25 persone asintomatiche individuate attraverso l’attività di screening regionale, e 7 sintomatiche.

I tamponi effettuati da ieri sono 8.621, che raggiungono così complessivamente quota 435.351, più altri 1.087 test sierologici.

Le nuove guarigioni sono 92, per un totale di 22.643. Continuano a calare i casi attivi, e cioè il numero di malati effettivi, che a oggi sono 1.281 (-64 rispetto a ieri).

Le persone in isolamento a casa, cioè quelle con sintomi lievi, che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi, sono complessivamente 1.111, -50 rispetto a ieri: oltre l’86% di quelle malate. I pazienti in terapia intensiva sono 11, quelli ricoverati negli altri reparti Covid sono 159 (-14).

Le persone complessivamente guarite salgono quindi a 22.643 (+92): 299 “clinicamente guarite”, divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione, e 22.344 quelle dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Purtroppo, si registrano 4 nuovi decessi: 2 uomini e 2 donne. Complessivamente, in Emilia-Romagna i decessi sono arrivati a quota 4.219. Per quanto riguarda la provincia di residenza, 2 decessi sono avvenuti in quella di Bologna, 1 in quella di Ferrara e 1 in quella di Ravenna.

Questi i nuovi casi di positività sul territorio, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella dove è stata fatta la diagnosi: 4.534 a Piacenza (+6), 3.617 a Parma (+4), 4.977 a Reggio Emilia (+2), 3.938 a Modena (+2), 4.728 a Bologna (+16). Dei 16 positivi oggi in provincia di Bologna, 10 sono asintomatici (individuati attraverso gli screening regionali) e 6 sintomatici, legati a focolai individuati in precedenza, tracciati e tutti in isolamento domiciliare.

Proseguendo sul territorio, si confermano ad oggi, dall’inizio dell’epidemia, 402 casi positivi a Imola (nessun nuovo); 1.008 a Ferrara (nessun nuovo caso). I casi di positività in Romagna sono 4.939 (+2), di cui 1.036 a Ravenna (nessun nuovo caso), 948 a Forlì (nessun nuovo caso), 783 a Cesena (nessun nuovo caso) e 2.172 a Rimini (+2).