Imola. Un manifestazione riuscita quella del 19 giugno in piazza Matteotti contro il razzismo e soprattutto per ricordare la morte di George Floyd, l’afroamericano morto negli Usa per soffocamento da parte di un poliziotto che gli ha tenuto il ginocchio sul collo perché aveva “osato” usare una banconota falsa da 20 dollari. Al Flash Mob imolese, hanno partecipato circa 150 persone, in gran parte giovani con striscioni e cartelli quali “Basta morti in mare, Basta abusi di polizia” e “I will never understand but i stand”.

Fra i presenti, abbiamo visto la segretaria della Cgil Mirella Collina, il presidente dell’Anpi Gabrio Salieri, Anna Pariani di Emilia Romagna Coraggiosa, donne di Trama di terre e ragazzi di Imola Antifascista.

Dopo un discorso contro tutti i razzismi e le forme di discriminazione, tutti a distanza di sicurezza di almeno un metro si sono inginocchiati simbolicamente per 8 minuti e 46 secondi, il tempo esatto impiegato per soffocare a morte George Floyd. Poi tanti applausi per gli slogan finali.