Imola. Il lavoro senza sosta degli investigatori si sta concentrando sulle immagini delle telecamere di videosorveglianza poste nelle strade del Ravennate e del Bolognese dove è passata l’Alfa 159 con all’interno una banda di quattro ladri i quali, dopo un furto a un bar-tabaccheria a Fusignano, hanno falciato a Mordano un carabiniere 48enne che aveva intimato loro l’alt.

Si cerca di trovare qualcosa di utile per le indagini, condotte dal pm Marco Imperato, anche se non sarà facile individuare i malviventi che poi hanno bruciato l’auto della fuga a tutta velocità, rubata a Imola pochi giorni prima del furto, in via Rivani a Bologna mostrando di essere dei professionisti senza alcun scrupolo che sanno come tentare di eliminare almeno una parte delle tracce. Le accuse contro di loro sono gravi, sono ricercati per tentato omicidio

Nel frattempo, fortunatamente sono in progressivo miglioramento le condizioni del militare dell’Arma 48enne capo-pattuglia del radiomobile di Imola, che è ancora ricoverato nel reparto di Medicina d’urgenza dell’ospedale Maggiore di Bologna.